Privacy Officer verso +100% nel 2015

Privacy Officer verso +100% nel 2015
  •  
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares

Sarà una volata finale, quella dell’ultimo scorcio di 2014 per i privacy officer. Secondo le ultime statistiche, i professionisti certificati con TÜV Examination Institute a dicembre 2013 erano infatti 123, ma con gli esami che si svolgeranno a Milano il 28 ottobre, e le altre due sessioni a Bologna, il numero potrà raddoppiare rispetto all’anno precedente. Si rafforza quindi la leadership dell’organismo di certificazione bavarese in ordine ai privacy professionals, che in Italia si avvicina adesso a quota. 

E potranno partecipare alle sessioni di certificazione non solo coloro che hanno frequentato con profitto il Master di 48 ore, ma anche gli esperti di data protection che riescono a dimostrare di possedere già un notevole bagaglio di esperienza, accedendo direttamente agli esami previa una prova preliminare

Già 170 i certificati emessi, e quasi 700 professionisti in corsa per ottenere il prestigioso certificato basato sulla Norma ISO 17024 attraverso gli esami condotti da esperti di chiara fama, che sono strutturati in due prove scritte, (un caso pratico e una parte a quiz), e una prova orale, nelle quali il candidato deve dimostrare di possedere le conoscenze richieste dallo schema di certificazione del TÜV Examination Institute.

Anche se si tratta di un esame impegnativo, la percentuale di promozione agli esami è stata finora del 93,13%, e al candidato che boccia agli esami è data possibilità di ripeterli senza dover pagare alcuna quota di iscrizione. Nella lista degli esperti abilitati che hanno svolto finora il ruolo di commissari d’esame, TÜV si è avvalso di noti professionisti come l’Avv. Rosario Imperiali, e l’Avv. Antonio Ciccia. 

Per accedere agli esami di certificazione, i candidati  devono soddisfare i requisiti dello schema, tra cui avere una esperienza professionale specifica come consulente privacy o privacy officer di almeno due anni, e aver frequentato con profitto un corso specialistico di almeno 48 ore (vedasi il master riconosciuto da TÜV e dal Consiglio Nazionale Forense, presso il Ministero della Giustizia), o in alternativa sostenere la prova preliminare con lo stesso organismo di certificazione. 


  •  
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares
Categorie: Dalle Aziende