Smau: ecco le 20 realtà della Toscana pronte al debutto

Dopo aver incontrato le imprese del territorio, attraverso gli appuntamenti sulle singole province del Forum delle Imprese, Regione Toscana si prepara per la prossima edizione di Smau anticipando le 20 realtà innovative che debutteranno dal 22 al 24 ottobre a Fieramilanocity

La squadra delle 20 startup e aziende innovative della Regione Toscana è pronta a salire sul palcoscenico di Smau per presentare tutta l’innovazione pronta per incontrare il mondo delle oltre 50.000 imprese che varcheranno le soglie della 51° edizione di Smau, dal 22 al 24 ottobre a Fieramilanocity.

Smau Milano sarà una tappa fondamentale del percorso intrapreso da Regione Toscana insieme a Smau, per favorire l’incontro e il networking tra le imprese del suo territorio e il mercato nazionale e internazionale, oltre che per presentare gli strumenti messi a disposizione a supporto dell’innovazione e della ricerca nella Regione attraverso eventi come Toscana Technologica, la manifestazione dedicata all’incontro tra ricerca industriale e imprese che si è svolta a Firenze lo scorso luglio in concomitanza con SMAU Firenze, e il Forum delle Imprese, che nei mesi di luglio e settembre ha toccato le principali città della regione. Un ruolo fondamentale in questo percorso è giocato da Invest in Tuscany, il sistema pubblico, coordinato dalla Regione Toscana (Settore attrazione investimenti) che, in collaborazione con l’Agenzia di Promozione Economica (Toscana Promozione) e con gli enti locali, si pone come interlocutore per le aziende e le multinazionali interessate ad investire in Toscana.

A commento della partecipazione di Regione Toscana a Smau, Gianfranco Simoncini, Assessore alle Attività Produttive di Regione Toscana dichiara: “Ci presentiamo all’appuntamento con Smau 2014 con una importante novità. La Regione Toscana ha deciso di anticipare la programmazione dei fondi Ue 2014-2020 con proprie risorse per avviare nuovi bandi per le imprese. Da ottobre si può fare domanda per tre bandi per ricerca, sviluppo e innovazione che mettono a disposizione delle imprese, grandi piccole e medie di tutti i settori produttivi, contributi per gli investimenti. Su questo i contiamo di destinare sino a 200 milioni di risorse regionali che possono attivare investimenti per circa 800. Ad essi, a breve, aggiungeremo anche voucher per sostenere l’attività di ricerca e sviluppo della micro impresa. Con questi strumenti, molto innovativi anche nell’impostazione, vogliamo sostenere le imprese più dinamiche, grandi, medie, piccole e piccolissime. Le giovani start up che si presentano anche qui a Smau sono appunto un positivo esempio di questa dinamicità. I tre bandi sono solo l’ultimo degli strumenti che si aggiungono ad un . quadro ricco e articolato di interventi per aiutare le imprese a dare ali alle proprie idee”.

Leggi anche:  A Smau imprese digital e startup pronte a sostenere l’Industria 4.0

Nell’arco dei tre giorni di evento le startup si presenteranno all’interno degli speed pitching in programma nei molteplici eventi ed iniziative di networking e concorreranno all’edizione nazionale del Premio Lamarck, in programma venerdì 24 ottobre alle ore 14.00, in contemporanea al Premio Nazionale Innovazione ICT. Il premio, realizzato con il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria, che prende il nome dal naturalista Jean Baptiste Lamarck, consegnerà un riconoscimento ai più brillanti progetti d’impresa, pronti a rivoluzionare il business di aziende già strutturate, raccontati dalle startup presenti in fiera.

Nell’area di Regione Toscana sarà inoltre possibile richiedere informazioni sui nuovi Bandi Ricerca e Sviluppo e Innovazione che mettono a disposizione contributi per investimenti in ricerca e sviluppo delle imprese, finanziati grazie all’anticipazione, da parte del bilancio regionale, di risorse che consentono di avviare la programmazione del Por 2014-2020 del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr) per un valore complessivo di 8 mln.

Inoltre la Regione Toscana sarà protagonista di due workshop che si terranno nel corso dei tre giorni di evento: mercoledì 22 ottobre alle ore 15.00 è in programma il workshop dal titolo Connettere le Piccole Imprese Hi -Tech e le startup alle realtà produttive consolidate: ci proviamo in Toscana con una piattaforma regionale,a cura di Alessandro Giari. Il workshop si terrà in Arena Smart Communities e sarà moderato dai giornalisti di scienza di Radio24. Il secondo, workshop, dal titolo “Una amministrazione progetta in casa i suoi strumenti, e il risultato è un servizio trasversale, aperto, in continua crescita ed efficiente. Si chiama Open Toscana, vede come relatori Vittorio Bugli, Assessore Sistemi Informativi e partecipazione, Regione Toscana e Laura Castellani, Dirigente settore infrastrutture e tecnologie per lo sviluppo della società dell’informazione, è in programma venerdì 24 ottobre, alle ore 11.00 presso l’Arena Smart Communities.

Leggi anche:  Immersio cambia le operazioni di neurochirurgia: a SMAU la realtà aumentata per le sale operatorie

Ed ecco quali saranno le startup e le aziende innovative della Regione presenti a Smau: Beenomio, startup italiana specializzata nel fornire consulenza e supporto informativo ai processi industriali, sia produttivi che organizzativi; Biocare, startup che presenta drDrin, una piattaforma di servizi web accessibili sia da PC che attraverso smartphone e tablet, aiuta i suoi utenti a gestire al meglio le terapie farmacologiche, specialmente quelle complesse; BlueUp, la prima azienda italiana che progetta e produce beacon BLE per servizi di micro-localizzazione indoor, certificati Apple iBeacon; CaveLabs, startup innovativa che crea prodotti e servizi professionali per  monitorare, comandare e controllare dispositivi elettronici; Cleviria, una software house che presenta, tra le altre cose il software Thela, rivolto a tutte le aziende che hanno bisogno di tracciare e monitorare in maniera efficace le proprie catene di fornitura e distribuzione, Diagramma, azienda che realizza sistemi informatici e gestionali dedicati al mondo del B2B, tra cui il  sistema “Arkadia”, una completa web app che permette la tracciatura GPS dei mezzi aziendali con particolare riferimento al mercato della PMI; Effective Knowledge, uno spin-off partecipato dall’Università degli Studi di Firenze che offre servizi e prodotti relativi all’automatizzazione delle fasi di acquisizione, gestione, produzione e distribuzione di conoscenza e dati per aziende e istituzioni che avvertono la necessità di implementare sistemi di intelligence, portali web e servizi; Energysolving, una start-up dell’Incubatore di Firenze e CCIAA di Prato che offre soluzioni brevettate per il controllo ottimizzato del riscaldamento in qualsiasi tipologia di edificio; Kentstrapper, impresa familiare specializzata nella progettazione e produzione di stampanti 3D; Kiunsys, azienda che offre soluzioni innovative per la gestione della smart city tramite cloud, come ad esempio sensori di parcheggio e servizi di vendita e di informazione tramite smartphone; Kiwi Local realizza piattaforme di prossimità personalizzate per associazioni ed aziende al fine di migliorare la gestione della community; Kode, azienda che offre consulenza nel campo della data science, fornendo competenze in vari settori: data mining, chemiometria, chemoinformatica, machine learning, ricerca socio-economica;  MakeTank, startup innovativa che ha realizzato un marketplace dove protagonisti assoluti sono i Maker e le loro creazioni. Ogni Maker crea e gestisce il proprio shop in autonomia e senza fee di ingresso: inserisce direttamente i prodotti, ne definisce prezzi, tempi di produzione e di spedizione; Occam XXI progetta architetture dell’informazione per cluster orizzontali e verticali, codifica strutture articolate di App razionalizzando i contenuti con l’obiettivo di rendere informazioni sovrapposte o ridondanti più snelle e fruibili da ogni pubblico; Papermine, una startup che ha realizzato un’applicazione web di self-publishing per creare online magazine, guide, cataloghi, ricettari e photobook; PER Lab, spin-off dell’Università di Firenze, che offre servizi di consulenza, intervento e formazione per lo sviluppo delle abilità dell’intelligenza emotiva; S2R, spin off dell’Università degli Studi di Firenze che offre servizi avanzati di diagnostica, progettazione e certificazione di materiali e sistemi costruttivi innovativi; Terza Cultura Società Cooperativa, Spin-off dell’Università degli Studi di Firenze e startup Innovativa presso la Camera di Commercio di Firenze si dedica alla divulgazione scientifica e alla promozione culturale nell’educazione, nella formazione, nella riqualificazione aziendale e nell’intrattenimento, con strategie ICT integrate e innovative ed iniziative rivolte allo scambio culturale; ViDiTrust, una startup innovativa che ha realizzato la tecnologia ViSeQR,patent pending: una soluzione anticontraffazione innovativa, basata sullo sviluppo di un “timbro intelligente”,non riproducibile,che integrato nella grafica del package o dell’etichetta del prodotto, risulta verificabile infinite volte da chiunque possieda uno smartphone di ultima generazione; Visual Engines sviluppa prodotti software e servizi basati su tecnologie di analisi, ricerca e riconoscimento visuale, le cui caratteristiche tecnologiche, di scalabilità ed efficienza, li rendono utilizzabili in tutti gli ambiti applicativi in cui l’informazione prevalente sia visuale (fotografia digitale, video, realtà aumentata, etc.).

Leggi anche:  Var Group investe nella startup Commerc.io