JoinPad si accorda con Fasthink e porta la realtà aumentata nell’IoT

Sarà così possibile dare ulteriore sviluppo al “context computing” con la realizzazione di sistemi capaci di interpretare il ruolo, la posizione geografica e le esigenze delle persone per farci lavorare in un modo migliore

Grazie alla collaborazione che JoinPad e Fasthink hanno siglato sarà presto possibile avere a disposizione innovative soluzioni di “context computing” che, unendo algoritmi predittivi di realtà aumentata, servizi di geolocalizzazione, reti di sensori e occhiali intelligenti come gli Epson Moverio BT-200, aiuteranno le persone a lavorare meglio, mettendo loro a disposizione in maniera automatica le informazioni necessarie al completamento delle attività in corso.

Un esempio pratico aiuta a capire meglio di cosa stiamo parlando. Immaginiamo un operatore che lavora alla logistica di un grande magazzino e percorre le corsie alla ricerca dei prodotti da spedire. Ebbene, grazie ai Moverio che egli indossa, l’applicazione riconosce il luogo esatto dove si trova e orientandosi con i vari sensori dislocati sul percorso lo guida proiettando sulle lenti degli occhiali le indicazioni sul tragitto più breve da percorrere, fino a indicargli il posto esatto del prodotto da prelevare e poi riportandolo fino al camion in attesa.

“Con Fasthink abbiamo immediatamente riscontrato di avere esperienze complementari e un unico obiettivo – ha dichiarato Mauro Rubin, Presidente di JoinPad e fra i massimi esperti di realtà aumentata – quindi la collaborazione sta procedendo a gran velocità e con risultati al di sopra delle aspettative. Quanto stiamo facendo è un passo importante per il mondo industriale e presto cambierà radicalmente il modo di lavorare migliorando le performance e l’organizzazione dei processi.”

“Grazie alla nostra decennale attività di integrazione in ambiente industriale delle tecnologie RFID, NFC, mobile computing, wireless networking e localizzazione – commenta Marco Marella, amministratore di Fasthink – sappiamo bene quanto sia strategico il poter ottimizzare in tempo reale i processi di identificazione e di logistica. La collaborazione con JoinPad ci permetterà di arrivare velocemente all’obiettivo che ci siamo posti.”

Leggi anche:  Apple ottiene un brevetto per occhiali AR

Quando la realtà aumentata incontra l’Internet degli Oggetti

E’ quanto accaduto tra JoinPad, la società italiana specializzata nello sviluppo di applicazioni di realtà aumentata per il mondo aziendale, e Fasthink, che ha oltre dieci anni di esperienza nella progettazione, realizzazione e commercializzazione di soluzioni e componenti dedicati all’identificazione automatica, alla tracciabilità e all’automazione industriale. Fasthink fa parte del gruppo Telekom Assist Europe, leader nell’Internet degli Oggetti, nelle soluzioni personalizzate e nelle tecnologie innovative per la raccolta e trasmissione dati nell’ambito della logistica, del trasporto merci nel mercato industriale, alimentare, farmaceutico e sanità.

Come funziona la realtà aumentata?

La realtà aumentata di JoinPad si basa sull’utilizzo degli smart glasses Epson Moverio BT-200, scelti perché possiedono caratteristiche e funzionalità (tra cui visione binoculare, fotocamera frontale, giroscopio, GPS, bussola e accelerometro) che si adattano perfettamente a questo genere di applicazioni e sono in grado di rilevare con precisione l’ambiente circostante e i movimenti di chi li indossa. Chi indossa i Moverio vede quindi sovrapposto a ciò che sta osservando una serie di informazioni correlate e scelte, o selezionate, in funzione dell’attività da svolgere.