Mobile World Congress 2015 con un grande assente…l’Italia

Mobile World Congress 2015 con un grande assente…l’Italia
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Si è chiusa ieri l’ennesima edizione record del Mobile World Congress,  più di 93.000 visitatori, nove per cento in più rispetto Mobile World Congress 2014

Visitatori provenienti da 200 paesi  hanno partecipato al Mobile World Congress 2015 presso le sedi di Fira Gran Via e Fira Montjuïc a Barcellona, ​​stabilendo un nuovo record per l’evento più importante del settore mobile. Più di  2.000 aziende espositrici hanno messo in mostra prodotti e servizi all’avanguardia nei circa 100.000 metri quadrati netti di spazio espositivo. Un’analisi economica indipendente indica che il Mobile World Congress avrà contribuito con  più di 436.000.000 € e circa 12.675 posti di lavoro a tempo parziale per l’economia locale.

“Mentre celebriamo il 10° anniversario del Mobile World Congress di Barcellona, ​​siamo gratificati dal successo record che abbiamo visto quest’anno,” ha detto John Hoffman, CEO, GSMA Ltd. “E ‘stato uno spettacolo tremendamente emozionante, con importanti lanci di dispositivi, discussioni e dibattiti sul futuro della nostra industria e dimostrazioni di prodotti all’avanguardia e di servizi che i clienti stanno sperimentando adesso e che saranno disponibili a breve”.

La prima cosa da dire è che non ha senso più parlare di futura interazione tra le tecnologie mobili e quelle tradizionali, ormai la fusione è stata completata e non si può prescindere dal prevedere e sviluppare servizi o prodotti che non siano già nativamente utilizzabili in mobilità attraverso smartphone o altri devices.

Impressionante la dimostrazione di Cisco durante la conferenza stampa del CEO John Chambers che ha mostrato come in tempo reale partendo dai dati del network si possa rielaborare e trasformare queste informazioni in termini di marketing e poi in funzione del business. L’Internet delle cose era in ogni stand, dove in forme diverse era permesso di sperimentare l’applicazione della tecnologia  e vedere come prodotti e servizi mobili collegati possono migliorare la vita quotidiana dei cittadini e delle imprese in tutti i settori automotive, salute, casa, vendita al dettaglio  sia in contesti urbani che rurali.

john chambers

John Chambers, CEO di Cisco

Videointervista a Don Butler – Executive Director of connected vehicles and services di Ford Motor Company

Leggi anche:  DEEBOT N78D, il robot con aspirazione diretta che si occupa del pelo del tuo animale domestico

A dire il vero forse in qualche caso si è anche esagerato, ipotizzando l’uso di dispositivi mobili anche per effettuare operazioni a scarso valore aggiunto e per cui forse sarebbe più utile utilizzare il vecchio ma pur sempre efficiente chip del nostro cervello…

espresso

E poi ormai tutto è wearable, non ci basta più la protesi artificiale costituita dallo smartphone, oggi ognuno di noi vuole avere addosso la tecnologia sia essa funzionale a monitorare i propri parametri virali sia per fare tracking delle proprie prestazioni sportive o semplicemente per condividere con le action camera alcuni momenti indimenticabili della propria vita.

Altro protagonista sono state le startups che oltre ad essere presenti al MWC erano presenti con una manifestazione dedicata 4YFN – 4 Years From Now  giunta alla sua seconda edizione. Un programma internazionale presentato da Mobile World Capital Barcellona e GSMA che favorisce l’incontro delle migliori start-up mobili e imprenditori con gli investitori, acceleratori, incubatori e società dell’ecosistema mobile. Nell’arco di quattro giorni, il programma 4YFN ha ospitato  colloqui, laboratori interattivi, mostre d’avanguardia, gare di startups ed opportunità di networking uniche per più di 8.000 partecipanti.

MWC 2015: le prime interviste ai protagonisti

Molto presenti nuove soluzione nell’healthcare, nel digitale e nella realtà aumentata.

E l’Italia?

Italiani tanti, giornalisti, startuppers, manager ma  purtroppo devo dire che il padiglione italiano era relegato in una delle zone più lontane e meno raggiungibili ed in più certo non con un allestimento di richiamo, insomma una presenza in tono minore che non credo giovi al nostro Sistema Paese.

La domanda che mi pongo è perché in un ‘occasione promozionale  e di visibilità come questa non si sia fatto di più, perché invece di dare spazio alle lodevoli e meritevoli piccole startups non si sia coinvolto qualche startup che già ha ricevuto finanziamenti importanti ed è conosciuta all’estero? In fondo quando si partecipa ad un Campionato Mondiale esiste la Nazionale con i migliori campioni, perché nella tecnologia e nell’innovazione non fare la stessa cosa?

Leggi anche:  Da chipmaker a data company: la lenta trasformazione di Intel

Fa rabbia che altri abbaino saputo valorizzare i nostri valori meglio di noi ad esempio una delle cose più ammirate è stata la Maserati Concept Car di Qualcomm e vi posso assicurare che era bellissima e super desiderata da tutti.  Il nostro design non è secondo a nessuno.

Maserati Concept Car

Maserati Concept Car

 

FOTO_IPHONE 1994

Maserati Concept Car

E poi non posso tacere le feste che ogni sera si sono svolte a Barcellona, completando l’evento e rendendolo di fatto anche glamour e un po’ più divertente.

FOTO_IPHONE 1958

 

FOTO_IPHONE 1967

 

Il prossimo Mobile World Congress 2016 si terrà 22-25 febbraio 2016 presso la Fira Gran Via, ci si vede lì!

 


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Categorie: Hi-Tech