Reed Hastings al MWC 2017: “Netflix si adatterà a ogni schermo”

netflix mwc 2017

Il CEO di Netflix Reed Hastings ha parlato del futuro dello streaming e dell’intrattenimento televisivo

Quest’anno è stato il CEO di Netflix Reed Hastings ad aprire il keynote principale del Mobile World Congress 2017, evento durante il quale sono stati presentati tanti nuovi dispositivi come Nokia 3310, Samsung Galaxy Tab S3, LG G6 e Huawei P10. Il numero uno dell’azienda di Los Gatos si è detto “entusiasta” della vittoria dell’Oscar per il documentario The White Helmets e ha parlato del futuro dell’intrattenimento video.

Hasting ritiene che Netflix non sia frenato dalla grandezza dello schermo ma dalla velocità di connessione. La percentuale di chi fruisce di contenuti streaming via smartphone è in costante crescita ma spesso una Rete troppo lenta o la mancanza di segnale vanno a impattare in modo negativo sulla qualità del servizio. “Investiamo molto in tecnologia per migliorare la resa su Internet. – afferma il CEO di Netflix – Vogliamo che la pausa per il buffer diventi un ricordo come il suono dei vecchi modem: cerchiamo continuamente di ottimizzare la compressione dei file, per calibrare la qualità delle immagini sulla velocità della rete, oggi è eccellente anche con solo 200-300 Kb al secondo”.

Hastings ha inoltre sottolineato che il palinsesto di Netflix sarà sempre più personalizzato con produzioni locali e ha dichiarato di non temere la concorrenza di piattaforme come YouTube Red o Amazon Prime Video: “Non stanno davvero cercando di ucciderci, stanno cercando di servire i consumatori”.

Quel che è certo secondo Hastings è che il futuro dell’intrattenimento video sarà sempre più veicolato da Internet e passerà prima dai televisori allo smartphone e poi chissà. “Bisogna capire se attraverso Netflix o altre app. Noi, invece, forse vedremo film e serie TV attraverso una lente a contatto con schermo incorporato, come in Black Mirror, o in qualche altro modo che non possiamo prevedere. È questo il bello della tecnologia”.

Leggi anche:  La pubblicità arriva su WhatsApp, ma non nelle chat