Aruba PEC lancia il nuovo sito Pec.it

Nuova architettura delle informazioni per PEC, SPID e Firma Digitale

Aruba PEC già Certification Authority per i servizi di firma digitale e Gestore PEC del Gruppo Aruba, ha rilasciato una nuova versione del sito www.pec.it, modificandone la fruizione da un punto di vista funzionale e grafico.

Obiettivo del progetto di restyling è stato quello di ottimizzare la navigazione del sito di Aruba PEC per favorire la fruibilità dei servizi e, di conseguenza, migliorare l’accessibilità alle soluzioni offerte a tutti i cittadini, imprese e professionisti che ormai quotidianamente utilizzano questi strumenti.

Tra le principali novità:

  • Una nuova architettura dell’informazione che ha, quindi, contribuito all’interazione con gli utenti: i contenuti sono più accessibili e maggiormente localizzabili data la nuova divisione in sezioni e categorie di prodotto;
  • Migliori interazioni dell’interfaccia, maggiormente intuitive e semplici da utilizzare;
  • Navigazione ottimizzata per dispositivi mobili e tablet, in modo da consentire la fruizione delle informazioni da qualunque luogo ed in qualunque momento;
  • Accesso in primo piano e migliore visibilità per i servizi più utilizzati, quali guide e webmail;
  • Speciale rilevanza dedicata alla sezione Soluzioni Business, in cui PEC, SPID e firma digitale diventano “customizzate” per le imprese più esigenti, grazie ad un canale commerciale ad hoc; soluzioni quali PEC multiutenza, PEC massiva e firma grafometrica.

A cornice delle implementazioni apportate, ed in seguito al positivo riscontro ricevuto in occasione di fiere quali ad esempio Forum PA, è stata data ulteriore rilevanza al servizio SPID – di cui Aruba PEC è Identity Provider accreditato –  con una sezione dedicata che favorisce l’interazione con gli utenti. A tal proposito, ulteriori feedback positivi da parte degli stessi, sono stati ricevuti nell’ambito di un sondaggio mirato, confermato anche attraverso l’analisi dei principali parametri di navigazione.

Leggi anche:  Apple sarà indagata dalla Commissione Europea per comportamento anticoncorrenziale