Huawei accusata di spingere recensioni false del Mate 10 Pro

Stando ad alcuni report, l’azienda avrebbe chiesto agli utenti di Best Buy di pubblicare commenti e prove favorevoli per facilitare i pre-ordini in USA

La bomba arriva dal sito 9To5Google, che pare avere le prove di una mossa strategica poco furba da parte di Huawei. Secondo il portale, la multinazionale cinese avrebbe chiesto ai membri di un gruppo privato di Facebook di recensire positivamente l’ultimo Mate 10 Pro, in cambio di un’unità in regalo. Oggetto dell’interesse sarebbe il pubblico statunitense, dove lo smartphone è attualmente in pre-ordine mentre da noi è disponibile oramai da mesi. La conseguenza di quanto afferma 9To5Google è in almeno 100 recensioni positive lasciate su Best Buy, dove appunto il terminale si può solo prenotare e dunque pare molto strano che ci siano già così tante persone ad averlo acquistato e testato.

Cosa succede

Il problema qui non è la pratica, peraltro utilizzata non solo da Huawei, di donare telefoni a influencer ed esperti del settore, sperando che il loro giudizio sia positivo, ma l’aver anticipato, secondo 9To5Google, la necessità di ottenere review positive per favorire i pre-ordini in USA. A quanto pare, la cinese avrebbe risposto anche a qualche commento su Best Buy in prima persona, tramite account fasulli, scrivendo ad esempio Questo telefono è il migliore che ci sia. Ho un iPhone X ma l’ho messo via per un Mate 10 Pro. Siamo ancora nel campo delle ipotesi ma è bene ricordare che la pubblicazione e l’incoraggiamento a recensioni indotte sul web è  in contrasto con le linee guida del mercato americano. Per questo Best Buy sta effettuando le verifiche sul caso, eventualmente rimuovendo i contenuti che considera pubblicitari e poco veritieri.

Leggi anche:  Perché IBM creerà un catalogo delle blockchain