A Smau Padova gli innovatori del territorio mostrano alle imprese come aprirsi all’innovazione

A Smau Padova gli innovatori del territorio mostrano alle imprese come aprirsi all’innovazione
  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares

A Smau Padova, il 22 e 23 marzo imprese ed enti locali potranno assistere ad un programma di 50 workshop, 10 Smau Live Show, dove saranno raccontate 27 esperienze concrete di aziende ed enti del territorio e diversi momenti di incontro con startup, fablab e imprese digital presenti per scoprire come aprirsi all’innovazione

Al padiglione 11 di PadovaFiere il 22 e 23 marzo imprenditori e professionisti in visita potranno incontrare oltre 50 realtà altamente innovative, tra startup, imprese del territorio e grandi player del digitale, scoprire le strategie di innovazione di aziende di tutto il Nordest e aggiornarsi professionalmente nell’ambito degli oltre 50 workshop gratuiti Il programma di 10 Smau Live Show  avrà il compito di mostrare come l’innovazione applicata a tutti i settori dell’economia del territorio, dal turismo e commercio, al settore dei servizi, dall’agrifood fino alle smart communities sia in grado di creare nuove opportunità di sviluppo, garantire una maggiore efficienza e accrescere il valore dei prodotti.

Un focus particolare quest’anno sarà dedicato al tema dell’innovazione nella PA e, soprattutto negli enti locali. Nei due giorni, infatti sarà presente una selezione di startup che presenteranno le proprie soluzioni rivolte al mondo della PA: Archetipo, startup innovativa che sviluppa ed utilizza sistemi di telerilevamento mediante droni, NOIMA, startup specializzata in soluzioni digitali per la gestione della Web Reputation e del Risk Management, Quantitas, startup che sviluppa sistemi di supporto alle decisioni in contesti ad alta complessità, creando tools e implementando metodologie di raccolta, analisi, visualizzazione e diffusione delle informazioni, SI2001, realtà che ha realizzato 1Safe, un sistema per la sicurezza partecipata che permette a ogni cittadino di segnalare situazioni anomale e potenzialmente pericolose, utilizzando una semplice App, Synapta, startup ospitata all’interno di H-Farm, presenterà ContrattiPubblici.org, il motore di ricerca sui contratti e bandi della Pubblica Amministrazione (PA) italiana.  In un’ottica di trasparenza, ContrattiPubblici.org permette di analizzare 10 milioni di contratti pubblici, che 20.000 Pubbliche Amministrazioni hanno siglato con più di 1 milione di fornitori. Insieme alle startup, saranno presenti anche una selezione di Fablab della Regione, realtà che hanno un compito importante nel guidare il rilancio del settore manifatturiero veneto, strategico per la regione, fornendo il loro supporto digital transformation” delle imprese del territorio. Tra i Fablab presenti: Officine ZIP, Samarcanda-Megahub, Fablab di Venezia, Fabcube e Fablab Impresa Belluno.

A Smau Padova si parlerà, insieme a Regione Veneto e ad Anci Veneto, anche di fusione e aggregazione di comuni in forma associativa, così come indicato dal progetto di Riordino Territoriale voluto dalla Regione Veneto. Un’innovazione che è soprattutto di pensiero che implica una condivisione degli obiettivi e che ha ricadute positive soprattutto sui cittadini che possono beneficiare di servizi qualitativamente migliori. Su questa strada si sono già mossi diversi comuni del Veneto tra cui l’ Unione di Comuni Marca Occidentale che raggruppa Vedelago, Loria, Resana, Riese Pio X . Grazie a questo progetto i comuni minori sono riusciti ad offrire ai propri cittadini servizi che singolarmente non sarebbero stati in grado di attivare. Anche la fusione tra il Comune di Longarone e Castellavazzo ha generato benefici per i cittadini i quali, non solo hanno beneficiato di servizi più efficienti ma hanno potuto usufruire di una scelta legata alla tassazione che ha visto come buona pratica l’applicazione di quella minore tra i due Comuni. All’interno del live show dove sarà raccontato il progetto di riordino territoriale intrapreso dalla Regione Veneto sarà raccontata anche l’esperienza dell’Unione dei Comuni di Caldogno, Costabissara e Isola Vicentina.

Leggi anche:  Colt rafforza il team dirigenziale con la nomina di Andrew Edison

Racconteranno inoltre la loro esperienza anche l’Unione dei Comuni della Brenta, l’Unione montana Alto Astico e i Comuni Barbarano-Mossano.

Al centro del dibattito dei due giorni anche il tema dell’Open Innovation, come modalità con cui le imprese più moderne rispondono oggi alle loro esigenze di ricerca e sviluppo, attraverso l’incontro con attori economici esistenti, in primis con le startup innovative e il relativo ecosistema di incubatori e acceleratori. Proprio l’Open Innovation sarà al centro di diverse iniziative, tra cui la realizzazione di un tavolo di lavoro organizzato da Seeweb che ospiterà un confronto tra i principali esponenti dell’innovazione del territorio sul tema del company rebuilding. Antonio Baldassarra CEO di Seeweb, insieme a Giandomenico Sica -, founder di DHH hanno dato vita ad una Joint venture  “CloudSeed” attraverso la quale dedicarsi alle startup che hanno mancato la sfida della crescita veloce e della raccolta dei capitali, ma hanno dei progetti interessanti e innovativi, nonché delle persone valide al loro interno. Un vero e proprio piano di company rebuilding finalizzato a costruire un nuovo percorso di successo per queste realtà che potranno essere selezionate nell’ambito di Smau Padova. «Oggi ci troviamo in un momento in cui, dopo il primo, rumoroso hype sulle startup, ci sono tantissimi casi di realtà innovative che però non sono decollate. In questo contesto di stazionarietà, vogliamo avere un ruolo nel selezionare, tra questi casi, dei team validi, dietro i quali ci siano dei bei progetti e prodotti, e utilizzare i loro servizi e il loro know-how per  costruire aziende e progetti di business vincenti -. Afferma Antonio Baldassarra, CEO Seeweb. «Con la grande attenzione al tema dell’Open Innovation, Smau è una buona occasione per portare le nostre esperienze e i nostri nuovi progetti e in particolare queste novità nell’ambito tecnologico e del mondo delle startup», conclude Baldassarra.

All’appuntamento non mancherà Cisco, che racconterà le ultime evoluzioni del piano Digitaliani, un progetto, realizzato in collaborazione con il Governo, per accelerare la digitalizzazione nel nostro Paese, “Uno dei fattori chiave del nostro piano di investimenti è stata la scelta di credere fortemente in un modello di innovazione aperta e diffusa in tutto il Paese, con l’obiettivo di far crescere l’ecosistema e attivare nuove collaborazioni. Tornare qui a SMAU Padova per noi è l’occasione di ascoltare da chi come noi vuole collaborare per innovare, di osservare come la trasformazione digitale stia accelerando la crescita di un territorio ricco di eccellenze e competenze come il Triveneto e ovviamente anche l’occasione per raccontare cosa stiamo facendo, per proporre nuovi spunti”. afferma Enrico Mercadante – Responsabile per l’Innovazione, le Architetture e la Digital Transformation, Cisco Italia

In tema di innovazione aperta a Smau sarà raccontata anche la sfida degli Innovation Lab, l’iniziativa di HPE che nasce dalla volontà di creare, presso i Partner HPE, laboratori tecnologici a disposizione delle aziende del territorio. Gli HPE Innovation Lab rappresentano, infatti, un punto di riferimento e condivisione per le aziende che desiderano testare e sperimentare soluzioni altamente innovative. A parlare dell’esperienza degli Innovation Lab e della propria attività sul territorio sarà presente Information Consulting, azienda partner di HPE che si occupa di progettazione, realizzazione ed ottimizzazione di sistemi informativi per il mercato delle medie e grandi aziende.

SAP, invece, sarà presente con Datalab, società di Padova attiva in Italia e all’estero specializzata nella progettazione, sviluppo e implementazione di soluzioni ERP basate sulla piattaforma gestionale SAP Business One oltre che ideatrice di un Laboratorio di R&S volto a ideare e testare soluzioni innovative da immettere sul mercato.

Tra i protagonisti della prossima edizione anche SSIP, la Stazione Sperimentale per l’Industria delle Pelli e delle materie concianti, organismo di ricerca nazionale che sviluppa e promuove l’innovazione di processo e di prodotto e dei servizi dell’industria conciaria per migliorare la capacità competitiva delle aziende conciarie italiane e la qualità della produzione a vantaggio dell’intera filiera e dei principali mercati obiettivo: arredamento, automotive, calzatura, interiors, moda. A Smau Padova, la Stazione Sperimentale presenterà alcune delle azioni che sta portando avanti sotto il profilo della sostenibilità, dell’innovazione e del trasferimento tecnologico, della sicurezza e non ultimo della formazione con il progetto Politecnico del Cuoio, in coerenza con le esigenze ed i fabbisogni delle imprese della filiera della concia operanti nei Distretti Industriali.

Leggi anche:  TIM: Riccardo Meloni nuovo Responsabile Human Resources & Organizational Development

L’innovazione e la collaborazione con realtà esterne, a supporto della competitività delle imprese del territorio, è alla base anche del progetto Co-Create della Camera di Commercio di Venezia Rovigo Delta Lagunare: un progetto che punta a favorire  la  collaborazione e la contaminazione tra aziende e distretti tradizionali della meccanica, dell’ edilizia e del legno/arredo e i settori delle industrie creative utilizzando tecniche e metodologie innovative (co-design, co-progettazione, gamification etc). Nell’ambito progetto “Co-Create”, venti imprese venete hanno deciso di partecipare ad una sessione di design thinking organizzato dalla Camera di Commercio Delta-Lagunare per definire un loro fabbisogno o un’idea imprenditoriale e di affidarne la realizzazione ad imprese culturali e creative attraverso una Call for Ideas. La call è aperta fino al  21marzo ed è rivolta a imprese individuali, società, organismi no profit, lavoratori autonomi o liberi professionisti del settore culturale e creativo (design, architettura, digital marketing, marketing, pubblicità, progettazione organizzativa, musica, libri e stampa, video games, film e video, arti dello spettacolo, arti visive, ecc.) che possono presentare e proporre progetti per soddisfare i fabbisogni di innovazione delle imprese. I due migliori progetti sviluppati all’interno del Creative Camp che si svolgerà il 23 marzo, dalle 9.30 alle 17 a Smau Padova, saranno presentati al Co-Create International Event, che si terrà a Milano il 19 e 20 Aprile durante la Milano Design Week.

TIM presenterà a Smau Padova la nuova versione di TIM Digital Store, il marketplace business che offre  un catalogo di oltre 100 servizi ICT realizzati da TIM e dai partner per supportare la digital transformation delle imprese. Presso lo stand dedicato sarà possibile conoscere le principali novità, i contenuti e le funzionalità  del portale anche attraverso momenti di approfondimento su temi come l’e-commerce, la gestione dei punti vendita, il digital marketing e il GDPR (General Data Protection Regulation). “La partecipazione a Smau Padova ci offre l’opportunità di evidenziare ulteriormente la concretezza dell’impegno di  TIM nell’ambito dell’open innovation. Con TIM Digital Store, per esempio, stiamo lavorando alla costruzione del network di soluzioni digitali più ampio in Italia, aperto a partner, startup, giovani sviluppatori, imprese nazionali e anche a grandi player internazionali: una vetrina tecnologica sempre più ricca dove le piccole realtà innovative possono pubblicare le proprie applicazioni accanto alle soluzioni dei big dell’informatica”, dichiara Francesco Pagliari, Responsabile Platform & Marketplace di TIM. All’evento parteciperà anche l’hub di open innovation TIM WCAP presentando due startup selezionate nell’ambito della Call for Partners 2017: Vividaweb, che ha realizzato una piattaforma di web marketing caratterizzata da un touchpoint interattivo per abilitare ricariche e altre operazioni su dispositivi mobili in un solo click, e Glassup, con speciali  visori che utilizzano la realtà aumentata per applicazioni di manutenzione  assistita in ambito industriale. Inoltre Olivetti esporrà una suite di soluzioni evolute dedicate al settore retail comprendenti applicazioni per generare programmi di fidelizzazione e couponing e servizi di business analytics.

Leggi anche:  Assintel, trent’anni di tecnologia digitale

Nell’ambito del programma degli oltre 50 workshop, l’Arena Regione Veneto sarà interamente dedicata a temi legati all’innovazione nella PA e alle agevolazioni a supporto delle imprese: si parlerà di normativa fiscale a supporto dell’innovazione, di strategie di accesso ai fondi UE, di nuova direttiva UE sulla protezione del know-how riservato e dei segreti commerciali, di agevolazioni e incentivi per chi investe in ricerca e sviluppo, di PA  digitale e delle evoluzioni tecnologiche di SPID.  In programma anche un workshop a cura di Invitalia dedicato a Smart&Start Italia, l’incentivo nazionale dedicato alle startup innovative promosso dal Ministero dello Sviluppo economico e gestito da Invitalia. L’incentivo, che fino ad oggi ha finanziato oltre 800 startup in tutta Italia, sostiene progetti con spese tra 100.000 e 1,5 milioni di euro, offrendo finanziamenti a tasso zero senza richiesta di garanzie; inoltre, nelle regioni del Sud prevede anche un contributo a fondo perduto. Nel workshop verranno spiegati i modi e i tempi per ottenere il finanziamento e gli altri servizi concreti offerti da Invitalia.

Per favorire il networking e l’incontro con le realtà presenti saranno organizzate diverse iniziative, a partire dai nuovi Startup Safari, tour gratuiti che accompagneranno i visitatori agli stand delle realtà presenti – startup, incubatori e imprese digital – e personalizzati in base al settore di appartenenza delle imprese: agrifood, ICT, smart communities e PA, commercio e turismo e servizi. Imprese e startup si presenteranno nell’ambito degli speed pitching che si svolgeranno all’interno degli Smau Live Show tematici Durante l’evento le tre startup considerate più pronte per il mercato riceveranno il Premio Lamarck. Nel programma dei Live Show, spazio anche al tema dell’Open Innovation che sarà affrontato da primari protagonisti del panorama dell’innovazione italiano come Aruba, Cisco, Confindustria, H-Farm, TIM, Seeweb, Intesa Sanpaolo, UniSmart Padova Enterprise e da aziende del territorio che hanno realizzato progetti di Open Innovation al proprio interno, come Badeschi, Aprilia e Seeweb.. Tra gli eventi di networking, per il primo anno i visitatori potranno partecipare al Caffè delle Reti di AssoretiPMI, il giorno 22 Marzo dalle ore 14,30 alle 15,30 in Saletta VIP. Il Caffè delle Reti è un momento informale di incontro e di networking aperto a tutti, Reti di Imprese e chiunque, Imprese e Professionisti, sia interessato al tema dell’aggregazione delle Imprese. In questo primo appuntamento dal titolo “ Industria e reti 4.0, le nuove professioni al servizio della manifattura digitale” si cercherà di puntare le luci sul tema Industria 4.0 e sulle nuove professioni che hanno creato e sviluppato questo innovativa modalità di produzione.

Tutto questo a Smau Padova, il 22 e 23 marzo, dalle 9.30 alle 17.30 al padiglione 11 di Padova Fiere.


  • 7
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    7
    Shares
Categorie: Mercato