Soddisfare le sfide del 5G offre ai communication service provider l’opportunità di rimodellare il settore delle comunicazioni

A cura di Jean-Pierre Brulard, SVP and General Manager EMEA, VMware

Ai communication service provider (CSP) è toccato un compito enorme con il 5G, senza dubbio impegnativo, ma che ha al contempo il potenziale per essere enormemente soddisfacente. I CSP si trovano di fronte alle alte aspettative dei clienti, a un portafoglio di servizi voce e dati indifferenziati, alla diminuzione del ricavo medio per utente (ARPU), all’aumento dei costi di infrastruttura e alla crescente concorrenza. GSMA prevede che le connessioni 5G raggiungeranno 1,1 miliardi, circa il 12% delle connessioni mobile totali, entro il 2025, mentre i ricavi complessivi dell’operatore cresceranno a un CAGR del 2,5% per raggiungere 1,3 trilioni di dollari nello stesso anno. Per gli operatori che stanno ancora lottando con l’aumento della domanda di servizi di dati, ma con prezzi sempre in calo, questo è un obiettivo importante da raggiungere. La sfida è essere in grado di cogliere i vantaggi per non rischiare di essere tagliati fuori da questa opportunità.

Per far parte del movimento 5G, ci sarà bisogno di un cambiamento nel modo in cui le reti mobili sono progettate e i motivi per cui sono utilizzate. Si tratta di andare oltre le connessioni semplicemente più veloci, per consentire innovazioni come l’Internet of Things, il broadcast on-demand ovunque e da qualsiasi dispositivo o le comunicazioni resilienti in situazioni di emergenza. Si tratta di allontanarsi da un approccio standard “valido per tutti” per poter segmentare servizi e piattaforme in base alle esigenze del cliente. Come afferma GSMA, “Gli operatori mobili useranno nuove architetture di rete …. [e] il software avanzato consentirà alla rete mobile di adattarsi alle esigenze del servizio, piuttosto che viceversa”.

L’opportunità commerciale

Questo è un significativo allontanamento da ciò che anche le reti 4G attualmente offrono. Pertanto, i CSP dovranno fare una pianificazione di conseguenza per garantire che la loro rete sia adeguata alle esigenze future; nuovi approcci alle operazioni di rete e nuove competenze per passare senza problemi dallo stato attuale a quello che sarà. Dovranno essere prese in considerazione le modalità di utilizzo della rete e la differenza con 3G e 4G. Le larghezze di banda incredibilmente elevate e la bassa latenza del 5G, ad esempio, insieme all’emergere del Multi-Access Edge Computing (MEC), creeranno una nuova architettura cloud telco distribuita su cui potrebbero essere implementati servizi ancora inimmaginabili. Tali servizi, concepiti nel software e guidati dall’analisi dei dati, diventeranno veramente personali e specifici per il caso d’uso, sia che si tratti di connected car, di sofisticati controlli medici o di droni di sicurezza indipendenti e ad apprendimento autonomo che pattuglino le proprietà.

Leggi anche:  Il Presidente Mattarella prova le demo 5G nella sede di Ericsson in Svezia

Con l’avvento dell’Internet of Things (IoT), dell’intelligenza artificiale (AI) e dell’apprendimento automatico, il 5G consentirà alle organizzazioni anche di assimilare enormi volumi di dati e di estrarre il significato da questi dati in tempo reale, guidando i servizi più reattivi esistenti. La ricerca IDG mostra che il 72% delle aziende si aspetta che l’IoT diventi molto rilevante per loro nei prossimi tre anni e, dal momento che le imprese riconoscono i vantaggi di queste tecnologie e iniziano ad adottarle in tutto il loro business, guarderanno ai service provider per fornire le competenze e la larghezza di banda che possa supportarle.

Cosa significa in termini pratici? Nei trasporti, i veicoli intelligenti che comunicano con sensori integrati nei sistemi di traffico e persino sulle strade per ridurre al minimo le collisioni e ridurre la congestione e l’inquinamento. Nell’assistenza sanitaria, l’intervento e la prevenzione a distanza – specialisti che aiutano i pazienti dall’altra parte del mondo a guarire da malattie che prima erano incurabili a livello locale. Nelle macchine e nelle costruzioni, il controllo dei dispositivi remoti significa meno persone che devono svolgere attività pericolose perché le apparecchiature possono essere controllate fuori sede. Nei media, gli eventi più importanti e i programmi saranno forniti a una risoluzione e qualità maggiori senza una connessione WiFi, aiutando gli organizzatori di eventi, le emittenti e le società di media a offrire esperienze più profonde senza bisogno di ricorrere a televisori costosi o che i telespettatori siano in località specifiche.

Ci sono grandi aspettative sul 5G, e spetta ai CSP assicurarsi di essere pronti a soddisfare, o addirittura superare, quelle aspettative.

I layer del 5G

Come possono ottenere questo risultato? Immagina che il 5G sia una casa. Quello che vedi sopra al pavimento, i mattoni, le porte, il tetto, le finestre, sono i benefici del 5G (connettività superveloce, che consente servizi innovativi e aiuta a offrire esperienze davvero eccezionali). È tutto fondamentale e senza qualcuno di questi componenti non considereremmo la casa completa. Infine, se dovessimo costruire una casa semplicemente replicando ciò che possiamo vedere, cadrebbe molto velocemente. Ciò che dà a una casa la longevità e la struttura sono le fondamenta. È lo stesso con il 5G – senza le fondamenta essenziali, non può esserci alcuna rete 5G. Ciò significa esaminare il ruolo delle Network Operation e il modo in cui forniscono l’infrastruttura tecnologica che supporterà la rete 5G per i prossimi dieci anni.

Leggi anche:  Fastweb e Samsung insieme per la prima sperimentazione 5G Fixed Wireless Access in Italia

Queste fondamenta devono essere adatte allo scopo, rispecchiando i requisiti del 5G nella propria composizione. Le nuove tecnologie, come le reti software-defined, che offrono il tipo di agilità e flessibilità necessarie alle reti 5G, devono essere incorporate nell’architettura esistente anziché essere considerate come un componente aggiuntivo. Il multi-access Edge Computing (MEC), definito da Accenture come “complementare e abilitante per l’ambiente di servizio che caratterizzerà il 5G”, è attualmente in fase di studio da parte dei CSP che vogliono migliorare la propria capacità di portare sul mercato i servizi di informazione. Non è difficile capire perché – il MEC aiuterà gli operatori a sfruttare al massimo l’architettura fisica e virtuale esistente utilizzando le interfacce e l’infrastruttura IT esistenti come trampolino di lancio. Essendo letteralmente all’edge della rete, non richiede una connessione a un punto centrale, ma utilizza invece tutto ciò che è più vicino all’utente per fornire il servizio richiesto. Ciò significa applicazioni più reattive e più veloci e, in definitiva, un’esperienza utente di livello superiore.

Per sfruttare i vantaggi del MEC, in particolare una maggiore agilità, alle organizzazioni si consiglia di guardare alla virtualizzazione delle funzioni di rete (NFV), che consente loro di automatizzare e orchestrare la rete senza scavare nella configurazione fisica sottostante delle risorse.

Stare sulla strada da percorrere

L’NFV è una tecnologia abilitante essenziale per il 5G, ma le organizzazioni devono capire che le modifiche apportate alla rete ora non dovrebbero essere considerate come fisse nella pietra; invece, dovrebbero essere viste come un ponte per raggiungere il 5G.

Questo perché il 5G rappresenta un totale allontanamento da ciò che accadeva prima. Per più generazioni, le reti sono state utilizzate in modo simile – in definitiva si trattava di connettere persone con altre persone o servizi che utilizzano dispositivi su una rete. Che si trattasse dei testi su 2G, dei primi anni di Internet mobile con il 3G o degli smartphone che trasmettono video sul 4G, è stato tutto incrementale. I CSP avranno bisogno di un ripensamento completo di come si avvicinano alle loro reti, ed è indubbiamente un compito gigantesco. Alcuni, tuttavia, stanno già trasformandosi con successo e questi CSP non solo apriranno la strada alla diffusione del 5G, ma ai cambiamenti culturali e di processo necessari per operare con successo nel mondo software-defined di domani.