Irion nominata leader nella Data Integrity and Control in Financial Services

Think declarative! La sfida del business data driven all’IT
È ormai chiaro che il business data driven rappresenta un valore per l’impresa

Irion annuncia di essere stata nominata come solution leader da Chartis Research, società indipendente di analisi, all’interno del suo report “Data Integrity and Control in Financial Services – Market Update 2018”.

In particolare, Irion è indicata come Category leader nel FinTech Quadrant, che sintetizza i risultati della ricerca, in virtù delle sue qualità di Completeness of offering Market potential. Si tratta di un riconoscimento significativo per una delle tematiche da sempre centrali per l’azienda, considerando la focalizzazione di Chartis Research sul mercato internazionale delle tecnologie di risk management e in particolare nel settore finance. Chartis Research motiva così la sua valutazione: “Premiamo la profondità e l’estensione delle funzionalità, della tecnologia e dei contenuti, oltre al successo nell’acquisire quote del mercato a cui il nostro Quadrante si rivolge e la crescita sostenibile e profittevole della vostra azienda”.

“Questo riconoscimento da parte di un autorevole analista internazionale ci rende orgogliosi dei risultati raggiunti – commenta Alberto Scavino, CEO di Irion – e ci dà ulteriori stimoli a proseguire nel percorso di evoluzione delle nostre soluzioni”. La piattaforma EDM (Enterprise Data Management) e gli add-on RTG (Ready-to-Go) sostengono infatti i clienti di Irion nella gestione dei processi data driven per il governo di tutte le tipologie di rischio. “Ma il risk management non è il solo ambito di impiego delle nostre soluzioni. Otto dei primi dieci gruppi bancari italiani hanno scelto Irion per la compliance regolamentare, per la protezione dei dati personali, per la soluzione di problemi complessi di data reconciliation, per la qualità e il governo dei dati e per tutte le necessità di presidio del patrimonio informativo” conclude Scavino.

Leggi anche:  World Payments Report 2018: aumenta la richiesta di servizi di pagamento digitale