VMware presenta Integrated OpenStack 5

Software defined everything

Il nuovo VMware Integrated OpenStack 5 offre un supporto potenziato per la scalabilità, la sicurezza
e l’Edge Computing e un’architettura aperta e unificata, abbracciando Telco / NFV, cloud pubblici e privati

VMware presenta VMware Integrated OpenStack 5, l’ultima versione della distribuzione OpenStack. Disponibile in entrambe le versioni Carrier e Data Center, VMware Integrated OpenStack 5 introdurrà nuove funzionalità per aiutare i clienti a semplificare, scalare e proteggere gli ambienti OpenStack di produzione. Grazie all’accesso API aperto e indipendente dal vendor all’infrastruttura virtualizzata leader del settore VMware, i communication service provider (CSP) e le aziende dispongono di una piattaforma comprovata e ad alte prestazioni basata su un’architettura aperta per accelerare l’implementazione dei workload di network functions virtualization (NFV) e di innovazione di servizio.

VMware Integrated OpenStack 5 sarà una delle prime distribuzioni OpenStack commerciali conformi alle linee guida di interoperabilità 2018.02 della OpenStack Foundation. Membro attivo della community OpenStack, VMware offre pacchetti, testa e supporta tutti i principali componenti della distribuzione, compreso il codice OpenStack completo open source in un’architettura multi-cloud. VMware Integrated OpenStack offre ai clienti la soluzione più rapida ed efficiente per l’implementazione e il funzionamento dei cloud OpenStack ottimizzati per l’NFV di VMware e l’infrastruttura Software-Defined Data Center, con automazione avanzata e onboarding. I clienti esistenti di VMware Integrated OpenStack saranno in grado di sfruttare la capacità di aggiornamento integrata del software per effettuare l’upgrade a VMware Integrated OpenStack 5.

“Continuiamo a essere leader nell’innovazione di OpenStack essendo una delle prime aziende ad aggiornarsi alle ultime OpenStack Queens e continuiamo nella nostra incessante dedizione a fornire a CSP, operatori mobili, fornitori di servizi cloud e aziende il percorso più veloce per la produzione di successo Implementazione di OpenStack “, ha affermato Gabriele Di Piazza, vice president of products and solutions, Telco NFV Business Unit, VMware. “VMware Integrated OpenStack 5 consentirà ai clienti di raggiungere la massiccia portata necessaria per alimentare Telco e cloud privati a livello globale e affrontare i casi di utilizzo di NFV e edge computing man mano che le reti di telecomunicazioni evolvono verso il 5G”.

Leggi anche:  Fujitsu Sholark accelera la trasformazione dei processi di business per mezzo di AI e data analytics

Automazione, prestazioni, scalabilità e semplicità per le implementazioni OpenStack di Telco/NFV

VMware Integrated OpenStack-Carrier Edition risponde ai requisiti specifici dei CSP che implementano servizi di rete basati su NFV che comprendono una serie di casi di utilizzo attuali e compatibili con 5G su core e edge. Con il nuovo aggiornamento di VMware Integrated OpenStack-Carrier Edition, i CSP saranno in grado di sfruttare le nuove funzionalità chiave di NFV, tra cui:

  • Prestazioni accelerate dei dati: consentiranno ai clienti di ottenere miglioramenti significativi nei tempi di risposta delle applicazioni, ridurre le latenze di rete e le prestazioni della rete attraverso il supporto dello switch distribuito virtuale gestito NSX in modalità Enhanced Data Path e DPDK, nonché tecniche ottimizzate per i piani dati in VMware vSphere.
  • Ridimensionamento delle risorse multi-tenant elastiche: fornirà garanzia delle risorse e isolamento delle risorse a ciascun titolare in modo che nessun altro possa consumare un determinato pool di risorse né accedere al pool di risorse. Supporterà anche il ridimensionamento delle risorse elastiche consentendo ai CSP di aggiungere nuove risorse dinamicamente tra diversi cluster vSphere per adattarsi alle condizioni del traffico o passare dalla fase pilota alla produzione in atto. Ciò consentirà ai CSP di isolare un tipo di carico di lavoro / VNF da un altro, così come mantenere la disponibilità delle risorse all’aumentare del carico.
  • OpenStack “In a Box” per 5G e Edge Computing: dimensioni ridotte e fattore di forma micro data center altamente resiliente consentiranno l’implementazione “in a box” per 5G ed edge computing. I clienti avranno il pieno controllo su questi micro data center e app al limite mediante orchestrazione automatizzata basata su API e gestione del ciclo di vita. La soluzione aiuterà ad affrontare i casi di utilizzo delle aziende come utility, piattaforme di perforazione di petrolio e gas, applicazioni di punto vendita, videocamere di sicurezza e impianti di produzione e casi d’uso orientati alla Telco quali Multi-Access Edge Computing (MEC), distribuzioni VNF di sensibilità alla latenza e sistemi di supporto operativo (OSS).
  • Self-Driving Operations e Service Assurance: fornirà visibilità a 360 gradi con approfondimenti in tempo reale, root cause analysis (RCA) e rimedi per ambienti basati su OpenStack, tra cui analisi avanzate del carico di lavoro, pianificazione e bilanciamento predittivo delle risorse e alta scala monitoraggio per VM e container attraverso un unico gestore dell’infrastruttura virtualizzata (VIM).
Leggi anche:  Red Hat annuncia la disponibilità di JBoss EAP 7.2

Scalabilità avanzata, disponibilità e sicurezza per tutti i clienti

VMware Integrated OpenStack 5 consentirà ai clienti CSP e aziendali di ottenere il massimo dai progressi in Queens per supportare carichi di lavoro mission-critical, in ambienti applicativi nativi di container e cloud. VMware ha aggiunto uno sviluppo significativo a VMware Integrated OpenStack in aggiunta a quello che è stato distribuito tramite la versione Queens. Le nuove funzionalità includeranno:

  • Scalabilità massiva: eseguirà fino a 500 host e 15.000 VM in una singola Region e introdurrà il supporto per più Region contemporaneamente con monitoraggio e metriche su scala.
  • Elevata disponibilità per carichi di lavoro critici: creazione di istantanee, cloni e backup di volumi collegati per migliorare drasticamente il tempo di funzionamento di VM e applicazioni tramite miglioramenti al driver di volume Cinder.
  • Ambiente virtualizzato unificato: capacità di distribuire ed eseguire sia i carichi di lavoro di VM che di container su un singolo gestore dell’infrastruttura virtualizzata (VIM) e con un singolo fabric di rete basato su VMware NSX-T Data Center. Questa architettura consentirà ai clienti di distribuire facilmente carichi di lavoro ibridi in cui alcuni componenti vengono eseguiti in contenitori mentre altri vengono eseguiti in VM.
  • Sicurezza avanzata: consolida e semplifica la gestione degli utenti e dei ruoli in base ai miglioramenti apportati a Keystone, compreso l’uso delle credenziali dell’applicazione e l’assegnazione dei ruoli di sistema. VMware Integrated OpenStack 5 porterà la sicurezza a nuovi livelli con la crittografia del traffico API interno, la federazione Keystone to Keystone e il supporto per i principali provider di gestione delle identità, incluso VMware Identity Manager.
  • Ottimizzazione e standardizzazione dei servizi DNS: servizio DNS scalabile su richiesta tramite Designate. I clienti possono registrare automaticamente qualsiasi VM o Virtual Network Function (VNF) su un server DNS approvato aziendale invece di registrare manualmente gli host appena forniti tramite Designate.
  • Interfaccia utente migliorata: semplifica l’implementazione di reti a più livelli e L3 tramite l’ultimo dashboard Horizon. La capacità di abilitare / disabilitare il NAT sul router tenant OpenStack NSX e l’associazione alle zone di disponibilità Neutron direttamente dall’interfaccia utente di Horizon, consente agli sviluppatori di personalizzare la rete per adattarla alle proprie app.