Pixel 3 sarà (più o meno) così

Diffusi online i file CAD dei modelli classico e XL, che confermano due approcci differenti nel design con l’obiettivo di accontentare i consumatori

Sembrava una scelta strana quella voluta da Google in merito ai Pixel 3 e invece abbiamo ulteriori indizi che la confermano. I due modelli in via di presentazione quest’autunno, Pixel 3 e Pixel 3 XL, saranno del tutto diversi tra loro, sia per dimensioni che design. La variante tradizionale, con display da 5,4 pollici assomiglia alla generazione precedente e, in generale, alla flotta di telefonini con rapporto 18:9 e schermo full vision. La versione XL è invece un altro tentativo di copiare il notch di iPhone X, con nocca superiore nella quale sono inscritti i sensori fotografici e di luminosità. Due approcci differenti per prendere il meglio dei trend attuali e accontentare così le diverse esigenze dei consumatori.

Cosa sappiamo

La più recente indiscrezione arriva da alcuni file CAD pubblicati online e diffusi dal noto account Twitter @OnLeaks. Oltre alle evidenti iterazioni costruttive, ci si accorge che sia il lato frontale che quello posteriore di Pixel 3 e Pixel 3 XL è completamente in vetro, il che farebbe pensare al supporto, finalmente, della ricarica wireless. Eppure tale conseguenza non è detta, come dimostrano gli attuali top di gamma di Huawei e OnePlus che, pur nella loro essenza in vetro, non sono in grado di essere alimentati con la tecnologia Qi, che ha convinto nel 2017 pure Apple con gli iPhone 8, 8 Plus e X.

Oltre ciò, sorprende anche la presenza di un singolo sensore fotografico per entrambi, proprio come i Pixel 2. Anche se lo scorso anno Google aveva dimostrato di poter fare un gran lavoro di ottimizzazione software, tramite gli algoritmi, per la cattura di foto e video di qualità, nonostante l’unica camera, oggi gli utenti chiedono di più, e portare a bordo della prossima franchigia effetti molto richiesti, tra cui il bokeh, non avrebbe certo rappresentato un problema, sia in termini tecnici che di riconoscibilità del brand.

Leggi anche:  Settore dell’Istruzione: digital fabrication e stampa 3D preparano gli studenti al futuro