Magic Leap pubblica un’anteprima di Leap OS

Il sistema operativo alla base degli occhialini Leap One si mostra in un paio di foto e video, che rendono l’idea di come saranno i controlli e la homescreen

Dopo aver ufficializzato i Leap One, Magic Leap fa contenti gli appassionati spiegando qualcosa in più su Leap OS, il sistema operativo alla base dei device di realtà aumentata. Come si vede dall’immagine su in copertina, l’interfaccia è molto scarna, se non altro per integrarsi al meglio con qualunque ambiente reale presente intorno. La sensazione da restituire deve infatti essere di trasparenza e chiarezza, nulla che appesantisca troppo la vista o renda difficile interagire con icone e collegamenti.

Non a caso, la homescreen è composta da figure in 2D e non tridimensionali, semplici da navigare e da cliccare, così come accade per altri menu contestuali, compresi quelli delle app interne, come la creazione del proprio avatar o la visualizzazione dei contenuti fotografici e video in memoria.

Come sarà

Sembra che il team di Magic Leap abbia distinto questa sorta di app basilari da quelle più complesse, definendo le prime come “landscape app” e le seconde “immersive app”. Sono proprio queste ultime a dare valore al dispositivo, con la promessa di andare oltre esperienze simili, come quella degli HoloLens, con un focus maggiore sul divertimento piuttosto che un utilizzo enterprise e professionale.

Magic Leap ha annunciato di recente che inizierà a commercializzare i suoi Leap One quest’estate. L’azienda non ha ancora una data precisa, né un prezzo, ma fino a quando non vi saranno evidenze di ritardi, siamo fiduciosi in un arrivo sul mercato entro un mese. Probabilmente la disponibilità sarà, all’inizio, solo per gli Stati Uniti e a un cartellino per nulla low-cost se i fondatori, in passato, hanno definito i visori una sorta di iPhone X del mondo AR.

Leggi anche:  Al via Expo Elettronica: dai fitness tracker per dimagrire agli smartwatch più economici