Cloudera e Hortonworks annunciano la fusione per creare la più avanzata piattaforma dati di nuova generazione

Siemens e SAP insieme per accelerare la trasformazione industriale

Una piattaforma unificata di livello superiore e un chiaro standard di settore dall’Edge Computing all’Intelligenza Artificiale

Cloudera Hortonworks hanno comunicato congiuntamente la stipula di un accordo definitivo secondo il quale le due società verranno combinate con una fusione integralmente azionaria tra entità paritarie. Da questa transazione, approvata all’unanimità dai Consigli di Amministrazione di entrambe le aziende, nascerà un nuovo protagonista che offrirà una piattaforma dati di nuova generazione che include ambienti multi-cloud, on-premise ed Edge. Questa fusione va a stabilire lo standard di settore per il data management in cloud ibridi, accelerando l’adozione da parte dei clienti, lo sviluppo a livello di comunità e l’impegno dei partner.

Tom Reilly, CEO di Cloudera, ha dichiarato: “Le nostre aziende sono estremamente complementari e strategiche. Combinando gli investimenti di Hortonworks nella gestione dei dati end-to-end con quelli di Cloudera in data warehousing e machine learning, potremo fornire il primo cloud dati per il settore enterprise per sfruttare le più moderne tecnologie, dall’Edge Computing all’intelligenza artificiale. Questa visione strategica ci permetterà di consolidare l’impegno comune a supporto della trasformazione digitale delle aziende”.

“Questa fusione strategica creerà valore aggiunto per i rispettivi azionisti e consentirà a clienti, partner e dipendenti, oltre che all’intera comunità open source, di trarre vantaggio da offerte migliori, di accedere ad una gamma di soluzioni più ampia e di ridurre notevolmente i costi”, ha dichiarato Rob Bearden, CEO di Hortonworks. “Insieme possiamo continuare a crescere e competere nei settori dello streaming, dell’IoT, del data management, del data warehousing, del machine learning/AI e dei cloud ibridi. Soprattutto, saremo in grado di fornire una gamma più ampia di offerte che consentiranno alle aziende di sfruttare al massimo il valore dei dati”.

Leggi anche:  Il CFO moderno, da responsabile finanziario ad agente del cambiamento aziendale

Secondo i termini dell’accordo, gli azionisti di Cloudera controlleranno circa il 60% del capitale della società combinata, mentre quelli di Hortonworks circa il 40%. Gli azionisti di Hortonworks riceveranno 1,305 azioni ordinarie di Cloudera per ogni azione di Hortonworks in portafoglio, sulla base del rapporto di cambio medio a 10 giorni dei due titoli al 1° ottobre 2018. Le due aziende hanno una capitalizzazione diluita combinata di 5,2 miliardi di dollari in base ai prezzi di chiusura del 2 ottobre 2018.

Punti salienti della transazione

  • Nasce il leader nelle piattaforme di gestione dati di prossima generazione che, grazie ad un’offerta più ampia e risorse maggiori, è in grado di fornire il primo cloud dati per il settore enterprise che porta l’elasticità e la facilità d’uso del cloud pubblico a tutti gli ambienti di sviluppo – dal data center fino all’Edge e tutte le combinazioni intermedie.
  • Crea una piattaforma unificata di livello superiore e un chiaro standard di settore dall’Edge all’intelligenza artificiale, offrendo un vantaggio sostanziale a clienti e partner, oltre che all’intera comunità.
  • Accelera lo sviluppo del mercato e alimenta l’innovazione nei settori IoT, streaming, data warehouse, cloud ibridi e machine learning/AI.
  • Amplia le opportunità di mercato grazie ad offerte complementari, quali Hortonworks DataFlow e Cloudera Data Science Workbench.
  • Migliora le partnership con i fornitori di cloud pubblico e i system integrator.
  • Crea importanti vantaggi finanziari e un margine migliore:
    • Ricavi per circa 720 milioni di dollari
    • Oltre 2.500 clienti
    • Più di 800 clienti con entrate ricorrenti annue (ARR) superiori a 100.000 dollari
    • Più di 120 clienti con entrate ricorrenti annue (ARR) superiori a 1 milione di dollari
    • Più di 125 milioni di dollari nei costi annuali dedicati alle collaborazioni
    • Cash flow superiore a 150 milioni nell’anno solare 2020
    • Più di 500 milioni di dollari in liquidità, senza debiti
Leggi anche:  CRIF firma accordo per l'acquisizione di Strands

Management e Consiglio di amministrazione

A seguito del completamento della transazione, il Chief Executive Officer di Cloudera, Tom Reilly, l’attuale Chief Operating Officer di Hortonworks, Scott Davidson e il Chief Product Officer, Arun C. Murthy, di HortonWorks e l’attuale Chief Financial Officer di Cloudera, Jim Frankola, manterrano i loro incarichi nella nuova azienda. Rob Bearden, Chief Executive Officer di Hortonworks entrerà a far parte del consiglio di amministrazione.  Il membro del consiglio di Cloudera, Marty Cole, assumerà il ruolo di presidente del consiglio di amministrazione.

Il consiglio di amministrazione della nuova azienda includerà inizialmente nove dirigenti. Quattro amministratori, tra cui Rob Bearden, provengono dall’esistente consiglio di amministrazione di Hortonworks mentre gli altri cinque, tra cui Tom Reilly, provengono da Cloudera.  Un decimo amministratore sarà selezionato dal nuovo consiglio combinato.

Approvazioni e tempistiche di chiusura dell’accordo

La transazione è soggetta all’approvazione degli azionisti di Cloudera e Hortonworks, al via libera dell’antitrust USA e ad altre condizioni di chiusura abituali. I dirigenti e funzionari esecutivi di Cloudera e Hortonworks, così come delle entità affiliate, hanno dichiarato l’intenzione di votare in favore della transazione con le azioni rispettivamente detenute. Le due aziende prevedono di completare la transazione nel primo trimestre dell’anno solare 2019.