Kaspersky Lab annuncia i vincitori della Secur’IT Cup

Kaspersky Secur’IT Cup

Sul podio Alisa Gazizullina e Vladislav Vinogradov che si sono aggiudicati il primo posto con il progetto “Crime Camera” – The Secure Intellectual Surveillance

La scorsa settimana si è tenuto l’annuale “Academic Partner Summit” di Kaspersky Lab; nel corso dell’appuntamento sono stati annunciati i vincitori del concorso internazionale per studenti, la Secur’IT Cup. Sul podio Alisa Gazizullina e Vladislav Vinogradov dalla Innopolis University in Russia.

Il concorso internazionale per studenti di Kaspersky Lab, la Secur’IT Cup, è una competizione aperta a giovani provenienti da tutto il mondo e da qualsiasi background accademico. I partecipanti dell’ultima edizione hanno avuto la possibilità di vincere un premio del valore di 10.000 dollari, di competere con studenti con lo stesso tipo di interessi e di comprendere cosa significhi davvero lavorare nel campo della cybersecurity. In occasione dell’edizione di quest’anno, agli studenti è stato affidato il compito di proporre idee per soluzioni di sicurezza che potessero essere di supporto nello sviluppo futuro nei campi dell’healthcare, dell’IoT e della sicurezza personale. Il round finale della competizione si è svolto nel corso dell’”Academic Partner Summit” di Kaspersky Lab, tenutosi a Budapest; qui le idee arrivate in finale sono state presentate di fronte ad una giuria composta da esperti dell’azienda e dell’intero settore. Ventisette studenti provenienti da vari paesi, come Australia, Bahrain, Francia, Germania, India, Russia e Stati Uniti, hanno preso parte alle finali.

Alisa Gazizullina e Vladislav Vinogradov si sono aggiudicati il primo posto con il progetto “Crime Camera” – The Secure Intellectual Surveillance.

Alisa Gazizullina ha commentato così la sua vittoria: “Avevo già partecipato alle finali lo scorso anno; da quell’esperienza ho tratto l’ispirazione per le mie successive ricerche, ascoltando le idee di professionisti di talento, dei partecipanti al concorso e dei relatori presenti al summit accademico. Avere un riscontro così ampio mi ha permesso di immaginare ciò che doveva essere migliorato nei miei progetti. Quando ho visto l’annuncio relativo alla nuova edizione del concorso, quest’anno, l’ho condiviso con il mio collega, che ha da poco iniziato a lavorare ad un sistema di videosorveglianza per il rilevamento di azioni criminali. Stavo facendo ricerche sulla Fully Homomorphic Encryption e abbiamo deciso di iniziare a seguire gli ultimi aggiornamenti in questo campo.”

Leggi anche:  Quasi il 90% delle app Android condivide i dati con Google

“Abbiamo deciso di integrare gli algoritmi della crittografia omomorfica in un sistema di videosorveglianza. Questo ci ha permesso di trasferire i dati video al cloud in forma crittografata e di eseguire una serie di analisi su testi codificati senza decrittarli, un sistema di Secure Intellectual Surveillance, che esegue calcoli su testi codificati garantendo la riservatezza dei dati del cliente. Siamo molto felici di essere i vincitori di questa edizione e siamo grati del fatto che, grazie al supporto di Kaspersky Lab, il nostro progetto avrà un futuro e solide fondamenta per il suo sviluppo.”

Kirill Shiryaev, Head of Talent Acquisition di Kaspersky Lab, ha dichiarato: “I progetti di quest’anno sono stati tutti incredibilmente impressionanti, caratterizzati dalla presenza di grandi riflessioni e conoscenze; tutti i finalisti hanno il potenziale per intraprendere una carriera di successo nel settore della cybersecurity. Scegliere un vincitore tra tante proposte di qualità è stato impegnativo, come sempre, ma abbiamo particolarmente apprezzato la combinazione delle moderne analisi video con gli algoritmi crittografici all’avanguardia.”

Continua Kirill: “Il concorso internazionale Secur’IT Cup offre ai giovani l’opportunità di esplorare anche l’aspetto creativo legato alla definizione di nuove soluzioni che una carriera nella sicurezza informatica è in grado di offrire. Si tratta solo di una delle tante iniziative della nostra Kaspersky Academy che hanno l’obiettivo di incoraggiare i giovani a iniziare un percorso professionale nel settore.”

Kaspersky Lab si è complimentata anche con il secondo classificato della competizione: Philipp Mieden della LMU di Monaco di Baviera, in Germania, ha vinto il secondo premio, un viaggio all inclusive al “Security Analyst Summit” di Kaspersky Lab 2019, che si svolgerà a Singapore. Il secondo posto è stato conquistato grazie ad un progetto open source di Netcap Sensor & Collection Server.

Leggi anche:  Firefox protegge la navigazione di default su iPhone

Il “Kaspersky Academic Partner Summit” ha visto la partecipazione di partner accademici dell’azienda provenienti dalle università di tutto il mondo, riuniti ad ascoltare gli ultimi aggiornamenti di Kaspersky Lab non solo sul business e sul panorama delle minacce informatiche, ma anche sulle iniziative pensate per le università e gli studenti. I delegati hanno anche avuto l’opportunità di ascoltare gli interventi degli esperti di Kaspersky Lab e di altri relatori di terze parti sugli ultimi sviluppi nel campo della cybersecurity.