Shopping online: compromessi i dati bancari di un terzo delle persone che hanno fatto acquisti

Shopping online: compromessi i dati bancari di un terzo delle persone che hanno fatto acquisti

Questo periodo dell’anno è uno dei più critici perché i cybercriminali, che hanno come obiettivo i dati bancari degli utenti e i loro account sui siti di shopping online, potrebbero “fare tombola” proprio in occasione delle “feste”

Il periodo dello shopping sfrenato è cominciato a novembre con il Black Friday, prosegue con gli acquisti dei regali per Natale e le spese per Capodanno e si chiuderà con i saldi previsti a gennaio. In questo periodo dell’anno, però, è importante tenere a mente che i cybercriminali, che hanno come obiettivo le credenziali bancarie degli utenti e i loro account sui siti di shopping online, potrebbero “fare tombola” proprio durante il periodo delle feste. Secondo il nuovo report di Kaspersky Lab, dal titolo “From festive fun to password panic: Managing money online this Christmas” , comprare online è una delle attività più popolari su Internet, seconda solo allo scambio di email. Se da una parte il 98% delle persone coinvolte dallo studio in Italia dimostra di essere consapevole delle minacce finanziarie che possono annidarsi online, dall’altra, il 32% ha già messo le proprie credenziali bancarie nelle mani sbagliate.

La comodità dello shopping online può essere davvero molto allettante, ma alcune persone sono ancora preoccupate circa la sicurezza dei loro pagamenti online. Sfortunatamente le loro preoccupazioni sono fondate: un’indagine condotta da Kaspersky Lab ha rivelato che, del 32% di coloro che hanno ammesso di aver subito un furto delle loro credenziali bancarie, ben un quarto di loro (27%) non ha mai recuperato il proprio denaro. Tra i fattori che potrebbero mettere a rischio le finanze degli utenti, troviamo la difficoltà nel tenere sotto controllo le proprie credenziali, dopo averle utilizzate su varie piattaforme di e-commerce e la varietà dei metodi di pagamento disponibili.

Leggi anche:  APT38: il nuovo gruppo di minaccia legato alla Corea del Nord

Fare shopping online è come visitare un enorme centro commerciale dove gli utenti possono acquistare da dozzine di diverse piattaforme per l’e-commerce. Non sorprende, perciò, che gli acquirenti facciano fatica a tenere sotto controllo i dettagli dei loro pagamenti online. Quasi la metà degli utenti italiani coinvolti dallo studio di Kaspersky Lab (48%) è soprattutto preoccupata dall’eventualità che i criminali informatici possano accedere proprio alle loro credenziali bancarie online. Tuttavia, circa la metà degli intervistati (48%) ammette di aver dimenticato o di non aver neanche cercato di ricordare su quali siti o quali applicazioni abbia effettivamente condiviso le proprie credenziali.

Cercando di rendere le credenziali di pagamento online facili da reperire e da ricordare, un utente su cinque (29%) preferisce salvarle su uno dei suoi dispositivi. Questa tendenza rende più agevole l’inserimento di quelle stesse credenziali quando si fa shopping, così da non doversi preoccupare di perderle. Tuttavia, nel caso in cui il dispositivo venisse perso o rubato, l’utente rischierebbe non solo di perdere i suoi dati personali, ma anche i suoi soldi, dal momento che qualcuno potrebbe accedere al suo account bancario se trovasse le credenziali salvate nelle note dello smartphone.

La vasta gamma di metodi di pagamento online dà agli acquirenti di beni e servizi anche la libertà di scegliere quello che più preferiscono. I metodi preferibili restano le carte di debito e credito, il trasferimento diretto fra conti bancari e i digital wallet come PayPal. Tuttavia, stanno prendendo piede anche altri metodi di pagamento. Lo shopping frequente, ad esempio, permette alle persone di accumulare punti attraverso programmi fedeltà, usati per acquistare nuovamente dallo stesso retailer. Inoltre, grazie agli smartphone e agli smartwatch, i clienti non devono più portare con sé né il portafoglio, né soldi in contanti, né carte fisiche. Questo nuovo fenomeno ha aiutato la diffusione di dispositivi di pagamento “contactless”, come PayPass ed ApplePay, utilizzati regolarmente da un terzo degli acquirenti coinvolti dallo studio (30%).

Leggi anche:  Prevenire gli attacchi ransomware grazie a cinque consigli di Check Point

“La fine dell’anno e il periodo delle festività natalizie sono un momento meraviglioso, durante il quale le persone acquistano molti regali per la famiglia e gli amici. Nessuno vuole che questo momento venga rovinato dall’eventuale perdita di denaro a causa di transazioni non sicure e truffe online” ha dichiarato Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab. “Tutti dovremmo prestare molta attenzione ai nostri dati bancari e ai nostri pagamenti online, evitando di inserire le nostre credenziali su siti non affidabili o di fare acquisti online tramite dispositivi non protetti.”

Per acquistare online con serenità, Kaspersky Lab raccomanda l’uso di una soluzione di sicurezza in grado di proteggere le transazioni online e tenere al sicuro i dati degli account in caso di acquisti digitali:

  • Kaspersky Security Cloud è un esempio di come un software possa davvero adattarsi a tutte le sfide che un utente può incontrare quando si tratta di tenere le sue finanze al sicuro. La soluzione protegge le informazioni delle carte di credito, aprendo un browser sicuro ogni volta che si acquista online e auto-compilando in maniera sicura tutti i dettagli di pagamento.
  • Kaspersky Password Manager è pensato per mettere in sicurezza tutti gli aspetti della vita privata di ciascuno, comprese le credenziali bancarie: consente, infatti, agli utenti di accedere in maniera sicura alle proprie password, ai PIN e alle credenziali, da ogni luogo e da qualsiasi dispositivo, rendendo i pagamenti davvero veloci e sicuri.