Ci sono app per il meteo che inviano dati altrove

Ci sono app per il meteo che inviano dati altrove

The Weather Channel avrebbe usato le informazioni sulla posizione dei clienti condividendole con altre aziende e non è la sola

Troppo spesso ci dimentichiamo di quanto utili siano, non solo per noi, i dati di geolocalizzazione. Alcune app usano tali informazioni come vero e proprio modello di business. L’ultimo episodio che conferma iniziative del genere arriva da Los Angeles, la cui amministrazione ha citato in giudizio The Weather Channel per aver presumibilmente usato i dati degli utenti in modo inappropriato.

La causa sostiene che la piattaforma sfrutti una popolarità diffusa come uno strumento intrusivo per estrarre le informazioni di geolocalizzazione private, senza avvisare i navigatori. Pare che The Weather Channel invi alle filiali di IBM e ad altre terze parti tali contenuti, per scopi pubblicitari e commerciali, non correlati al meteo o ai suoi servizi principali.

Cosa succede

Ma nel calderone non c’è solo The Weather Channel. Nel 2017, Accuweather è stata accusata esattamente per la stessa cosa. Ma forse quel caso era anche peggiore, visto che l’app raccoglieva e vendeva le informazioni anche se gli utenti avevano disattivato i dati sulla posizione. E proprio la settimana scorsa, un’app popolare sul Google Play Store chiamata “Weather Forecast — World Weather Accurate Radar” è stata incriminata non solo di usare indebitamente i dati sulla posizione ma anche i numeri di identificazione IMEI dei dispositivi mobili, gli indirizzi e-mail degli iscritti e di attivare abbonati a pagamento su almeno due piattaforme di realtà virtuale.

Vuol dire che non possiamo fidarci di alcuna applicazione del genere? Difficile dirlo ma è evidente che software abili a ottenere informazioni così sensibili come quelle del GPS o della triangolazione delle reti mobili abbiano più di una opportunità di fare soldi. Ci sarà da capire se simili conseguenze siano riscontrabili anche in Europa perché, in tal caso, con il Gpdr alla mano le cose potrebbero mettersi male per compagnie di sviluppo grandi o piccole.

Leggi anche:  Malware nello store Google Play