Crisi nera per il mercato smartphone: mai così male dal 2013

crisi nera mercato smartphone

Secondo le ultime rilevazioni, il settore smartphone è crollato del 19%, un calo che lo riporta ai livelli prima del boom di questi dispositivi

Oggi praticamente chiunque a livello globale dispone di uno smartphone ed è sempre meno propenso a cambiarlo secondo le aspettative dei produttori. Da tempo si parla di saturazione per questo mercato e le ultime rivelazioni confermano questa tesi. Credit Suisse stima che i telefoni connessi prodotti arriveranno a circa 289 milioni di unità nel primo trimestre del 2019. Si tratta di cifre inferiori del 19% rispetto allo stesso periodo dell’anno passato e corrispondenti ai valori registrati nel 2013, anno in cui è avvenuto il boom di questi dispositivi. Per quanto riguarda il Q4 del 2018, invece, il calo dovrebbe fermarsi al 3% su base annua pari a 357 milioni di unità distribuite. Se così fosse, il settore registrerebbe il quinto anno negativo consecutivo.

Stando alle analisi di Credit Suisse, il rallentamento del settore dipenderebbe solo in parte dalla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e dalla contrazione della domanda nell’enorme mercato potenziale del gigante orientale che ha portato Apple e Samsung a rivedere al ribasso le loro stime in termini di distribuzione per il prossimo futuro. “Le vendite inferiori non sono necessariamente limitate alla Cina, con altri mercati che potrebbero essere saturi”, affermano gli esperti. Una ricerca di Pew Reserch Center infatti conferma che il 99% degli utenti negli USA tra 17 e 49 anni ha uno smartphone. La disanima di Credi Suisse arriva a poche settimane dal Mobile World Congress di Barcellona, la più grande fiera del settore. Qui dovremmo finalmente vedere il tanto atteso Galaxy S10 con cui Samsung andrà a competere con iPhone XS. Il futuro del settore comunque dipende da alcune innovazioni che saranno i maggiori trend del 2019 come i dispositivi con schermi pieghevoli e soprattutto il 5G. Ericsson ha stimato che entro cinque anni si arriverà ad 1 miliardo di abbonamenti a servizi di telefonia mobile che supportano l’ultimo standard di rete.

Leggi anche:  NEXTPARTY 2018: la Convention dei 20 anni di Nextmedia