Newspack: Google e WordPress promuovono il giornalismo locale

Newspack

WordPress con il sostegno di Google lancia Newspack, una piattaforma low cost che offre strumenti e consulenza per blog e giornali locali

WordPress è tra le piattaforme CMS più utilizzate per realizzare sia blog personali sia portali più elaborati e professionali. Oggi l’azienda di proprietà di Automattic tramite il progetto Newspack ha deciso di tendere la mano al giornalismo locale fornendogli strumenti avanzati, consulenza tecnica per la realizzazione di un modello commerciale vincente a un costo compreso tra mille e duemila dollari al mese. “Con molte organizzazioni che stanno lottando per trovare modelli sostenibili per il giornalismo – scrive WordPress nel post che presenta la novità – stiamo notando la necessità di una piattaforma economica”. La nuova piattaforma si pone quindi a metà tra l’accesso gratuito offerto dal CMS, il cui codice è open source, e la versione a pagamento VIP.

Newspack verrà gestita direttamente da Automattic, che per la realizzazione vera e propria del progetto si è affidata a News Revenue Hub e Spirited Media, azienda che gestisce diversi siti locali negli Stati Uniti. Il progetto ha ottenuto il sostegno finanziario della Google News Initiative, iniziativa lanciata da Big G per favorire una corretta informazione online, che ha fornito 1,2 milioni di dollari. Coloro che vorranno aderire a Newspack potranno presentare la propria candidatura dal primo febbraio tramite un apposito form mentre la piattaforma sarà lanciata in formato beta il prossimo luglio. I siti che intendono ottenere i vantaggi offerti dal nuovo servizio dovranno comunque disporre di alcuni requisiti. Innanzitutto, dovranno presentare un piano finanziario sostenibile anche se le startup sono comunque ben accette. Inoltre, dovranno essere portali che trattano temi di una precisa area geografica o tematica che producono contenuti da sé e non semplici aggregatori di notizie. In questa prima fase, verranno privilegiati quei portali specializzati in prodotti multimediali audio e video.

Leggi anche:  Italiani e Internet: il 41% ringrazia per la connessione