A Sanremo si accende la nuova rete 5G di TIM

Rivoluzione 5G, a che punto siamo?

La città dei fiori è tra le prime in Italia ad essere dotata di copertura 5G

Le nuove frontiere della tecnologia mobile arrivano a Sanremo. In occasione del Festival, infatti, TIM accende nella città dei fiori alcune antenne per la nuova rete 5G che utilizzano le frequenze acquisite in occasione della recente gara del Ministero per lo Sviluppo Economico con un investimento complessivo di 2,4 miliardi di euro.

In particolare, le frequenze utilizzate sono quelle disponibili dal primo gennaio di quest’anno che, sulla banda 3,7 GHz e attraverso le nuove antenne intelligenti 5G Ericsson (massive MIMO), sono in grado di adattarsi dinamicamente alla posizione dei singoli clienti ed al traffico dati generato. La rete 5G di TIM è già operativa ed ha consentito di connettere alla rete live i primi prototipi di terminali supportati dal modem 5G Qualcomm Snapdragon X50, testati per la prima volta in Italia nei laboratori TIM alla fine del 2018, che anticipano gli smartphone commerciali che arriveranno sul mercato durante il 2019.

Si tratta di un’importante accelerazione tecnologica che vede Sanremo tra le prime città d’Italia ad essere dotate di questa nuova infrastruttura, grazie alla quale verrà coperta tutta l’area del centro della città. L’iniziativa rientra nel progetto di TIM di dare forte impulso al 5G in Italia, con l’obiettivo di mettere a disposizione dei propri clienti i servizi di nuova generazione nella prima parte dell’anno.

Grazie alla nuova rete, nella settimana del Festival sarà possibile sperimentare l’innovativo servizio di video streaming live 4K 360º in Virtual Reality. Recandosi nei corner dedicati che si trovano presso il Forte Santa Tecla, Piazza Cristoforo Colombo e la Sala Stampa del Teatro Ariston, i visitatori saranno trasportati negli eventi che avranno luogo in Piazza Cristoforo Colombo, permettendo la visita immersiva della scena attraverso l’utilizzo di una telecamera ad alta definizione e sfruttando le potenzialità della rete mobile 5G (alta banda e bassa latenza). Si tratta di un servizio innovativo che abilita nuovi scenari negli ambiti del turistico, della pubblica sicurezza e dell’Industry 4.0.

Leggi anche:  La collaboration? È nella realtà virtuale

Virtual Reality

Sempre presso Piazza Cristoforo Colombo e il Forte Santa Tecla sarà inoltre possibile sperimentare un servizio di visite guidate che rientrano nei progetti legati al turismo digitale: i visitatori sono accompagnati in un tour immersivo di Piazza Navona a Roma e delle Gallerie Pietro Micca di Torino, attraverso l’utilizzo di occhiali per la Virtual Reality, con la possibilità di interagire con una guida reale del museo ed esplorare aree attualmente non accessibili al pubblico.

La Virtual Reality rappresenta uno degli ambiti applicativi che possono essere ulteriormente valorizzati dall’impiego delle reti 5G. Si tratta di uno scenario applicativo che, già oggi, vede un grande impiego su molti settori. Il potenziale indotto legato alle tecnologie di virtualizzazione può ampliare l’attrattività della città da parte di turisti, start up e studi creativi locali, rappresentando un importante veicolo per la comunicazione delle offerte culturali di un territorio, così come previsto anche all’interno del Piano Strategico del Turismo proposto da MIBAC.

Oltre alla innovativa tecnologia 5G, TIM ha potenziato nella città di Sanremo la rete 4.5G grazie a 44 antenne micro e macro cellulari, tutte collegate in fibra, per un totale di 136 celle in grado di offrire una copertura del 99% della popolazione, garantendo ai clienti TIM una qualità del servizio di eccellenza.

TIM consolida ancora una volta la propria leadership nel mercato delle comunicazioni mobili in Italia e nello sviluppo dei servizi di quinta generazione, già in parte mostrati nei trial del 2018, e che saranno presto a disposizione di tutti i clienti TIM e in tutto il Paese ponendo le basi per un miglioramento dello stile di vita dei cittadini, dei processi di produzione di governance delle aziende e della pubblica amministrazione, proiettando il Paese in un ambiente in cui tutto sarà più smart e connesso: dalla pubblica sicurezza alla mobilità, dal monitoraggio ambientale alla sanità, turismo e cultura, fino alle applicazioni nel campo dei media, dell’education e dell’intrattenimento.