Lenovo, un terzo trimestre fiscale da record

emanuele baldi lenovo

Lenovo ha annunciato i risultati finanziari del terzo trimestre fiscale conclusosi il 31 dicembre 2018

Si dicono molto soddisfatti – e come potrebbe essere altrimenti – per i risultati fiscali di Lenovo nel terzo trimestre Emanuele Baldi, general manager e amministratore delegato di Lenovo Italia, e Alessandro de Bartolo, country general manager di Lenovo Data Center Group per l’Italia. L’azienda ha infatti completato una striscia positiva di sei trimestri consecutivi battendo tutti i record e raggiungendo il fatturato più alto degli ultimi quattro anni. Frutto di una strategia di prodotto focalizzata sui settori a maggior margine e più profittevoli che ha invertito una tendenza che soltanto un anno fa – nello stesso trimestre – vedeva la società in perdita per quanto riguarda gli utili netti.

Oggi, invece, i risultati sono di tutt’altro tenore e Lenovo cresce in tutte le sue geografie; anche in Emea, ci tiene a sottolineare Baldi, che ricorda con soddisfazione come anche l’Italia sia allineata su questi tassi di crescita: tutto bene quindi? Certamente, anche se – racconta il manager –«avremmo voluto fare meglio nel mercato dei tablet – dove però pochi player dominano con quote rilevanti – e nel mercato retail dove Lenovo ha ampi margini di miglioramento». C’è spazio, quindi, per fare ancora meglio nei prossimi trimestri.

Intanto Lenovo può godersi i risultati al riparo dalle insidie dei bisticci tra Stati Uniti e Cina in tema di sicurezza, con l’affaire Huawei che tiene ancora banco. «Ma – assicura Baldi – Lenovo è una multinazionale che lavora con soddisfazione in tutte le country in cui è presente e che, per quanto la riguarda, non sente nessuna tensione a causa dei conflitti commerciali in atto tra le due superpotenze». «Non solo», aggiunge Alessandro de Bartolo, «se andiamo a vedere il dato di Lenovo Data Center Group, la business unit sta registrando i suoi migliori risultati proprio nel Nord America».

Leggi anche:  Amazon e Walmart si sfidano per l'acquisizione di Flipkart
Lenovo: Project Blue un caso di successo realizzato in tre
Alessandro de Bartolo, country general manager di Lenovo Data Center Group per l’Italia

Ma vediamo nel dettaglio i risultati del terzo trimestre della società, conclusosi il 31 dicembre 2018: il fatturato registrato nel 3Q è stato il più alto da quattro anni e ha raggiunto i 14 miliardi di dollari, con una crescita anno su anno dell’8,5%. Lenovo ha anche registrato il record assoluto di utili prima delle tasse incassando 350 milioni di dollari, con una crescita anno su anno del 133%; di conseguenza l’utile netto registrato è stato di 233 milioni di dollari – soltanto un anno fa, invece, la società aveva registrato, nello stesso periodo dell’anno, una perdita netta di 289 milioni di dollari. Gli utili base per azione del terzo trimestre sono stati di 1,96 centesimi di dollaro Usa, o 15,35 centesimi di dollaro di Hong Kong.

Guardando ai settori che hanno permesso di raggiungere questi record, notiamo che i risultati sono stati significativi in tutte le business unit di Lenovo. Il fatturato della divisione PC and Smart Devices ha raggiunto la quota record di 10,7 miliardi di dollari, con una crescita dell’11,6% anno su anno; consolidata la posizione di primo produttore al mondo di PC con una quota di mercato record del 24,6% (dati rilevati da IDC CY2018 Q4 Worldwide Quarterly Personal Computing Device Tracker).

Il Mobile Business Group ha raggiunto per la prima volta dall’acquisto di Motorola l’utile a livello globale, crescendo nel mercato nordamericano di 40 punti rispetto alla media del mercato e quadruplicando in Cina il fatturato dello stesso periodo dell’anno scorso. Infine, anche il Data Center Group ha registrato il quinto trimestre consecutivo di crescita negli utili con un aumento del fatturato – pari a 1,6 miliardi di dollari – del 31% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.