TCL sta pianificando un dispositivo indossabile pieghevole

TCL sta pianificando un dispositivo indossabile pieghevole

Non solo smartphone con schermi flessibili nel futuro della tecnologia, con TCL che vuole giocare un ruolo di primo piano nel campo dei wearable

Aspettiamoci un’ondata di telefoni pieghevoli e altri dispositivi con schermi flessibili già da quest’anno. Molti li vedremo all’imminente Mobile World Congress di Barcellona e non solo da parte dei big del settore mobile. La cinese TCL, ad esempio, ha in serbo più di una sorpresa, soprattutto nel settore degli indossabili. Stando a un rapporto di Cnet, tra i device in via di presentazione  potrebbe esservi uno smartwatch con uno schermo ben oltre la normale sezione centrale odierna, dilungato invece su una superficie maggiore, appoggiata al cinturino.

Cnet ha ottenuto le richieste di brevetto fatte di recente dall’azienda, meglio conosciuta per i suoi televisori economici, sottolineando che i dispositivi pieghevoli esistono ma sono ancora nelle prime fasi di sviluppo. “Le immagini sono preliminari e TCL potrebbe cambiare o scartare i suoi piani – afferma il sito – non è chiaro quando i prodotti raggiungeranno il mercato”. Ad ogni modo, TCL ha nel portafoglio almeno due smartphone, due tablet e uno smartwatch indossabile con  tecnologia foldable, da capire in che modo e se davvero intesi come oggetti da produzione globale.

Cosa aspettarsi da TCL

Di certo, il settore mobile si appresta a grandi cambiamenti, anche circa i rapporti attuali di gioco-forza. Abbiamo sentito di tante compagnie pronte a lanciarsi nel settore dei pieghevoli e questo potrebbe rimescolare le carte in tavola, che al momento vedono Samsung, Huawei e Apple guidare la franchigia dei brand più comprati in quanto a cellulari. Ma c’è molto altro: oltre al Galaxy Fold e all’iterazione di Huawei che vedremo a marzo, anche Xiaomi e Nubia hanno annunciato smartphone flessibili, con TCL che sarebbe solo il più recente della lista.

Fondamentalmente, tutti i principali nomi del settore hanno una sorta di dispositivo pieghevole nella pipeline. I primi tentativi con questo tipo di tecnologia sono già concreti: ad esempio il Royole FlexPai, che ha una cerniera nel mezzo allo schermo, un esperimento non così riuscito, preceduto da un altrettanto flop chiamato ZTE Axon M.

Leggi anche:  Il Galaxy Note9 potrebbe avere una batteria da record