Apple aggiorna gli iMac con processore Intel e grafica Radeon Pro

Apple aggiorna gli iMac con processore Intel e grafica Radeon Pro

Dopo un paio di anni, finalmente Apple lancia i nuovi iMac da 21,5 e 27 pollici, con processori di ottava e nona generazione

Sono serviti due anni ma era giunto il momento per Apple di dare uno scossone al mercato dei desktop, almeno a quelli casalinghi. Ed ecco allora l’annuncio dei nuovi iMac da 21,5 e 27 pollici, che finalmente godono di un hardware di nuova generazione, che gira intorno a processori Intel e schede grafiche Radeon Pro. L’iMac più “piccolo” monta ora una CPU Intel a quattro o sei core di ottava generazione, che secondo Apple offre circa il 60% in più di prestazioni rispetto al Kaby Lake del 2017. Al modello base si può anche abbinare una AMD Radeon Pro Vega 20 con 4 GB di memoria, con un miglioramento delle prestazioni grafiche di circa l’80%.

L’iMac 27 arriva invece con un processore Intel Core a sei core, aggiornato dal quad-core precedente, con l’opzione di puntare su un chip di nona generazione, con un esborso decisamente maggiore. Il chip che offre prestazioni fino a 5 Ghz Turbo e, in termini di grafica, ha le GPU AMD Radeon Pro 570X, 575X e 580X, capaci di apportare un miglioramento del 50% nelle performance. Per i più esigenti, si passa alla Radeon Pro Vega 48 GPU di AMD con 8 GB di memoria e specifiche più elevate.

Come sono fatti

Entrambi gli iMac vengono forniti con 8 GB di RAM come standard, due porte Thunderbolt 3 e un’unità di storage da 1 TB, sebbene il modello di configurazione più alto aumenti tale valore a 2 TB. “I clienti adoreranno l’enorme aumento delle prestazioni di iMac: con processori fino a 8 core e grafica Vega potente, la linea di iMac è più forte che mai – ha detto Tom Boger, senior director Apple di Mac Product Marketing – con l’incredibile display Retina, il design straordinario, il doppio delle prestazioni e il macOS Mojave che i nostri clienti amano, iMac è di gran lunga il miglior desktop al mondo”. I prezzi partono da 1.549 euro.

Leggi anche:  Huawei ti chiede di liberare la creatività con "Design it Possibile"