Servizi innovativi 5G per le Smart City

Servizi innovativi 5G per le Smart City

Dalla “control room” per la gestione integrata dei servizi urbani alle applicazioni di virtual reality: TIM alla Milano Digital Week ha organizzato una serie di incontri per far conoscere alcune delle innovative soluzioni che, grazie al 5G, potranno cambiare la qualità della vita nelle città rendendole “Smart”. Presso il TIM WCAP di via Magolfa sono state illustrate le  sperimentazioni in corso nelle diverse città italiane attraverso le demo di alcuni servizi abilitati dalla nuova tecnologia

Smart City Control Room di TIM permette l’accesso integrato ai vari servizi per la città, realizzati sulla rete mobile di TIM, per la gestione intelligente del traffico, dei parcheggi, dell’illuminazione, della raccolta dei rifiuti ecc. Nella Control Room i dati della Smart City sono disponibili per essere analizzati consentendo di prendere decisioni in tempo reale. I diversi “cruscotti” messi a disposizione offrono vari livelli di rappresentazione di quello che sta accadendo nella città. E’ possibile sviluppare soluzioni per amministrazioni pubbliche, oltre ad applicazioni specifiche per i vari settori verticali (illuminazione pubblica, gestione verde pubblico, ambiente, ecc.). Inoltre l’utilizzo di una piattaforma infrastrutturale unica “open” abilita un ecosistema di terze parti (start up) che possono sviluppare applicazioni sulla base dei dati messi a disposizione dalla città nella Control Room. La soluzione è in sperimentazione a Torino, Firenze, Bari e Matera.

Bus As A Sensor è il servizio che prevede l’utilizzo dei mezzi di trasporto cittadino durante il loro regolare percorso quotidiano per monitorare in tempo reale la qualità ambientale e abilitare servizi innovativi IoT per la Smart City. La Mobile Sensing Station installata sul bus rileva le misure degli inquinanti durante il percorso e le invia tramite rete mobile alla piattaforma IoT di TIM. La municipalità e i cittadini potranno, tramite un cruscotto web o una mobile app, monitorare la qualità dell’aria nel territorio urbano, visualizzare i percorsi più green e ricevere indicazioni per favorire una mobilità ecosostenibile. La soluzione è in sperimentazione a Catania.

Leggi anche:  Telecomunicazioni e IT: una convergenza essenziale

Smart City Virtual Reality: attraverso l’utilizzo di un casco Virtual Reality (VR), i visitatori possono sperimentare una visita virtuale delle Gallerie Pietro Micca e del Museo del Risorgimento di Torino e delle chiese rupestri di Matera, ricostruite in 3D per permettere la fruizione dei  luoghi anche da remoto. In questi ambienti i visitatori potranno interagire con una guida reale ed esplorare aree attualmente non accessibili al pubblico, sperimentando in questo modo la capacità della Virtual Reality in modalità totalmente immersiva. Il servizio è in sperimentazione a Torino, nella Repubblica di San Marino e a Matera.

People CrowdSensing: una mobile app che, attraverso i dati provenienti dalla rete, dai sensori IoT e dai social (utilizzando dati anonimi e aggregati, raccolti nel rispetto della normativa sulla privacy), permette di essere aggiornati su quanto succede nella Smart City attraverso i tweet trends più gettonati e le variazioni dei flussi di presenze di persone in specifici punti di interesse.

Smart City LiFi è una innovativa soluzione di trasmissione wireless tramite luce LED, realizzata in collaborazione con la startup To Be, accelerata da TIM WCAP. Permette, per esempio, di ricevere su un’app informazioni di prossimità ed accesso alla rete esponendo il device mobile all’illuminazione LiFi. Un’applicazione di questa tecnologia green, che potrà essere utilizzata anche in ambiente urbano, è in uso nell’ambito del progetto Smart Pompei.