Il Politecnico di Torino entra in MOBI – “Mobility Open Blockchain Initiative”

Il Politecnico di Torino entra in MOBI -

La tecnologia Blockchain è da molti anni al centro di progetti di ricerca dell’Ateneo torinese in collaborazione con aziende leader dell’automotive e del settore assicurativo

Il Politecnico di Torino ha ufficializzato il proprio ingresso in MOBI- “Mobility Open Blockchain Initiative”. MOBI è un’iniziativa nata nel maggio del 2018 sotto forma di organizzazione no-profit per migliorare la mobilità attraverso l’uso della blockchain e delle tecnologie correlate ai registri distribuiti in genere.

I promotori dell’iniziativa (tra cui case GM, Ford, Daimler Benz, BMW, Renault, VW, IBM, Accenture, Bosch, Blockchain at Berkeley, World Economic Forum, IOTA, e Hyperledge) intendono occuparsi di temi connessi all’identificazione di veicoli, persone, viaggi e la gestione delle relative transazioni (ad esempio, connesse ai pagamenti) attraverso la promozione di protocolli di comunicazione veicolo-veicolo e veicolo-infrastruttura sicura.

MOBI agisce come una comunità “neutrale”, nella quale le aziende sviluppano soluzioni innovative e standard in collaborazione con università, fondazioni private ed altri tipi di organizzazioni attraverso la creazione e condivisione di “proof of concept”.

Il primo progetto lanciato da MOBI e coordinato da Renault e Ford, si è concentrato, ad esempio, sulla gestione dell’identità dei veicoli, ma gli altri use case già realizzati o ipotizzati per i prossimi anni abbracciano l’intera catena del valore dei servizi di mobilità, dal tracciamento della posizione nello spazio e nel tempo, l’approvvigionamento, i pagamenti per veicoli autonomi, il “mercato” dei dati e gli strumenti di analytics, il monitoraggio delle emissioni, il car sharing, le assicurazioni pay-per-use, la gestione del traffico e dell’inquinamento, ecc.

L’Ateneo entra in MOBI in qualità di Affiliate. Potrà partecipare ad uno o più Working Group dedicati a specifiche tematiche di interesse dell’iniziativa e dei suoi partner.

Leggi anche:  Gig economy e rapporti di lavoro, le imprese navigano a vista

Al momento, sono attivi i Working Group “Usage Based Insurance” e “Vehicle Identity”. Sono inoltre in corso di attivazione quelli su “AV Data Markets”, “Supply Chain” e “EV Grid Integration”.

Per il Politecnico di Torino, l’interesse a partecipare all’iniziativa è stato inizialmente manifestato dal Dipartimento di Automatica e Informatica (DAUIN), attivo da diversi anni sulle tematiche connesse all’applicazione della tecnologia blockchain. In particolare, sono state esplorate, attraverso attività svolte nell’ambito di collaborazioni con aziende, tirocini, tesi e progetti studenteschi, diverse possibilità di impiego della suddetta tecnologia nel settore assicurativo, nel contesto dell’Industria 4.0, del “connected manufacturing”, dell’automotive, ecc. È inoltre coinvolto il laboratorio ICT for City Logistics and Enterprises (ICE). Nel momento in cui le attività di MOBI dovessero interessare nel concreto le tematiche in capo al centro interdipartimentale CARS, questo centro verrà aggiornato per le analisi in materia, specie in termini di filiera automotive, di catena logistica multimodale e di supply chain, in sinergia con altre aree di Ateneo interessate da tali argomenti di ricerca.

Dato il carattere inclusivo di MOBI, ci si aspetta che l’Ateneo possa trarre importanti benefici dalle opportunità di condivisione della conoscenza allo stato dell’arte sulle tematiche in oggetto che deriveranno dalla partecipazione all’iniziativa, attraverso l’ingresso in una rete di relazioni che include grandi aziende rappresentative di ambiti diversi, dalle case automobilistiche ai big player tecnologici, alle società di consulenza, consorzi leader nella definizione degli standard tecnologici, agenzie governative e organizzazioni non governative e, non ultime, altre università.