Econocom: Julie Verlingue nuovo Deputy CEO

Econocom: Julie Verlingue nuovo Deputy CEO

Il 17 maggio 2019 Econocom Group ha nominato Julie Verlingue Group Deputy CEO

Il 17 maggio 2019 il Consiglio di Amministrazione di Econocom Group ha deciso, su raccomandazione del suo Presidente Jean-Louis Bouchard, di nominare Julie Verlingue Group Deputy CEO. Insieme, Jean-Louis Bouchard e Julie Verlingue assicureranno la direzione operativa del Gruppo e definiranno la roadmap di Econocom verso una crescita sostenibile e redditizia.

Julie Verlingue, 38 anni, si è unita al Gruppo Econocom a marzo 2018 come Executive Director and International Managing Director (con responsabilità su 17 Paesi, che rappresentano il 48% del fatturato del Gruppo e 3.000 dipendenti). Da novembre 2018, Julie ha anche assunto la responsabilità dell’intero business Technology Management & Financing.

Prima di unirsi a Econocom, Julie Verlingue è stata Partner di McKinsey & Company. Dal 2006, dalla sede di Parigi della società, ha accompagnato per 12 anni i suoi clienti – principalmente nel settore finanziario – nei loro piani strategici, nei programmi di riorganizzazione e nei progetti di eccellenza operativa, con una forte attenzione a tematiche relative alla trasformazione digitale. Dal 2015 al 2018, ha gestito anche le attività di recruitment per McKinsey in Francia ed è stata responsabile delle iniziative di diversity e integrazione sociale.

Julie è laureata alla ESSEC Business School di Parigi e all’Istituto di Studi Politici di Strasburgo.

Jean-Louis Bouchard, Presidente e CEO di Econocom, ha affermato: “Lavoro a stretto contatto con Julie ormai da molti mesi e ho avuto modo di apprezzare le sue spiccate competenze professionali e l’impegno a gestire situazioni complesse, la sua abilità di attrarre talenti e promuovere e circondarsi di manager con una forte esperienza nella gestione di gruppi di lavoro. Questa nomina è un’eccellente notizia per Econocom. Julie ha la mia completa fiducia e quella del team che ha gestito in passato e gestirà adesso”.

Leggi anche:  Ottobre, i giri di poltrona dell'ICT