Google permetterà di eliminare la localizzazione e la cronologia web

Google permetterà di eliminare la localizzazione e la cronologia web

Preso la funzione di cancellazione automatica dei luoghi visitati con Maps e della cronologia di ricerca sui prodotti Google

Come Facebook, Google è stato criticato spesso dai difensori della privacy per alcune pratiche non proprio trasparenti nella gestione delle informazioni personali degli utenti. Tra tutte, il gigante ha ricevuto feedback negativi nel merito delle politiche di raccolta dei dati, la cui conservazione a tempo indeterminato della posizione geografica sui propri server ha suscitato ben più di un dubbio di valico della riservatezza delle persone. Come risposta, Big G ha progressivamente apportato modifiche ai suoi protocolli di ottenimento dei dati, più che nebulosi, dando agli utenti più potere sugli elementi privati archiviati dall’azienda. Il colosso tecnologico di proprietà di Alphabet ha aggiornato i suoi sforzi annunciando che, in futuro, ci sarà la possibilità per i consumatori di cancellare tutta la cronologia online automaticamente dopo un certo periodo.

Cosa succede

L’opzione di eliminazione automatica, secondo Google, consentirà di scegliere una scadenza di tre mesi o diciotto mesi per i dati raccolti dal gigante della ricerca, comprese la navigazione, le attività online su siti di proprietà di Google, l’installazione di app Android, l’utilizzo e le informazioni raccolte tramite la funzione Cronologia delle posizioni su Ricerca Google e Google Maps. I controlli saranno disponibili nel riquadro delle impostazioni dell’account, nelle sezioni Attività web e app e Cronologia delle posizioni. L’annuncio di Google dice che la funzione automatica verrà implementata nelle prossime settimane e “arriverà prima” alle sezioni della cronologia web e della posizione, il che implica che potremmo vederlo applicato anche ad altri servizi casalinghi in futuro. Non è una novità in sé, visto che finora l’eliminazione avveniva solo manualmente ma rappresenta comunque un passo importante verso la protezione della privacy.

Leggi anche:  Aruba supporta la PA con un servizio di Posta Elettronica ad alta efficienza