Ricoh supporta il Premio “Costruiamo il Futuro”

Ricoh supporta il Premio “Costruiamo il Futuro”

Anche nel 2019 Ricoh Italia sostiene l’iniziativa dedicata alle associazioni sportive di Milano e provincia

Si è svolta a Palazzo Marino, sede prestigiosa del Comune di Milano, la presentazione del “Premio Costruiamo il Futuro” giunto quest’anno alla 3a edizione. Nato per supportare le associazioni sportive dilettantistiche milanesi che seguono bambini e ragazzi dando vita a realtà positive in ambito sportivo soprattutto nelle zone periferiche del capoluogo lombardo, il Premio coinvolge – oltre a diverse importanti Fondazioni – anche realtà molto note come il Corriere della Sera e ha ricevuto il patrocinio del Comune di Milano, della Regione Lombardia e della Città metropolitana di Milano.

Tra i principali sostenitori del Premio, Ricoh Italia conferma anche in questa occasione il proprio impegno nell’ambito Responsabilità Sociale d’Impresa (CSR).“La responsabilità sociale – commenta Davide Oriani, CEO di Ricoh Italia – è uno dei valori fondanti di Ricoh che punta alla realizzazione di un business sostenibile indirizzando la propria attenzione alle comunità in cui opera per contribuire concretamente al loro sviluppo. In quest’ottica, da diversi anni supportiamo il Premio “Costruiamo il Futuro” e altri importanti progetti di CSR fortemente radicati sul territorio e rivolti alle nuove generazioni. In merito a questo ultimo aspetto, vorrei citare il ‘Premio Ricoh per giovani artisti contemporanei’, una iniziativa culturale che da ormai nove anni aiuta i giovani a farsi strada e ad emergere nel mondo dell’arte”.

Sabato 15 giugno è prevista la premiazione dei progetti selezionati, evento a cui parteciperanno bambini e ragazzi delle società sportive di Milano. In 16 anni di attività la Fondazione Costruiamo il Futuro ha sostenuto quasi 400 associazioni sportive e sociali diverse donando complessivamente 620.000 euro in Provincia di Lecco, Monza e Brianza, Bergamo e Milano. Tali risorse hanno permesso di supportare importanti progetti nell’ambito della disabilità e dello sport, di avviare nuove attività sportive in quartieri difficili e di contribuire alla sistemazione di strutture in stato di abbandono.

Leggi anche:  Aruba e Nexive: i risultati di un anno di collaborazione