Emerge aiuta i produttori food italiani ad abbracciare il mercato globale

Emerge aiuta i produttori food italiani ad abbracciare il mercato globale

“L’Italia nel 2018 ha esportato prodotti alimentari per 42 miliardi di euro. Una cifra apparentemente importante, ma che perde peso se confrontata con la richiesta mondiale di prodotti autentici italiani di oltre il doppio.

La nostra piattaforma, nella quale hanno investito anche Paolo De Gennis, ex direttore generale e vicepresidente di Esselunga, e Marco Gualtieri, fondatore di TicketOne e di Seeds&Chips, nasce proprio per “coprire” questo gap e per fare in modo che tutte le eccellenze food italiane riescano a spingersi oltre i confini nazionali, per abbracciare una prospettiva globale.

Sono queste le parole che Lorenzo Di Brino, Giorgio Bertolini e Tommaso Spreafico utilizzano per raccontare la nascita di Emerge, startup italiana che oltre ad aver attirato l’attenzione (e gli investimenti) da parte di Paolo De Gennis e Marco Gualtieri, ha coinvolto anche Dominique Pierre Locher, fondatore di LeShop.ch e Luca Palermo, AD di Edenred Italia.

Non solo: anche il nuovo acceleratore di startup di Crédit Agricole a Milano “Le Village” ha selezionato Emerge come una delle prime startup promettenti che sta seguendo.

Dove nasce la disparità tra domanda e offerta?

Questa disparità tra domanda e offerta è spesso dovuta alle difficoltà dei piccoli produttori italiani nel farsi scoprire all’estero.

“Ad esempio – spiega Giorgio Bertolini (CEO) – è impossibile che un buyer tedesco o statunitense possa arrivare a conoscere, senza uno strumento e una vetrina adeguati, i prodotti straordinari del piccolo produttore italiano che oggi ha solitamente una presenza sul web limitata o inesistente.”

In tutto il mondo, infatti, ristoranti, catene di supermercati e gourmet shop sono alla ricerca costante di prodotti italiani autentici (riconosciuti a livello internazionale per la loro qualità), ma non riescono ad entrare in contatto con i singoli produttori: manca una realtà in grado di connettere questi due mondi in modo semplice, veloce e costante. 

Leggi anche:  Google Maps sta per diventare un'app di messaggistica

“Emerge vuole essere una soluzione proprio a questo problema. Lanciando Emerge, abbiamo voluto creare una piattaforma digitale, disponibile in italiano e in inglese, attraverso la quale far scoprire velocemente i produttori italiani, con un contatto diretto e trasparente”, racconta Lorenzo Di Brino.

Un’unica piattaforma globale (aperta e gratuita per i produttori) per far conoscere i prodotti italiani all’estero.

“Un “aeroporto digitale” dove tutti i buyer del mondo possano “atterrare” per scoprire i produttori italiani: attraverso un piacevole viaggio digitale (la piattaforma ha anche contenuti video del territorio e dei produttori) possono identificare il prossimo business partner” spiega Giorgio Bertolini.

Grazie alla piattaforma di Emerge, produttori e buyer possono conoscersi ed entrare in contatto facilmente con un click.

“Offrendo ai produttori non solo opportunità commerciali, ma anche servizi mirati, come ad esempio la realizzazione di foto e video a 360 gradi dei loro prodotti, e opportunità speciali con partner selezionati (banche, logistica, fiere etc) abbiamo la convinzione che potremo aiutare le aziende food italiane a raggiungere l’obiettivo di 100 Miliardi di export nel mondo.

Attualmente la piattaforma è aperta e accoglie gratuitamente tutti i produttori che vogliano prenderne parte” concludono i fondatori.