Galaxy Home, questo speaker non s’ha da fare

Galaxy Home, questo speaker non s’ha da fare

Annunciato un anno fa, l’altoparlante connesso non arriverà per ora sul mercato, proprio come HomePod di Apple (che negli Usa c’è)

Samsung aveva annunciato lo scorso agosto il suo smart speaker Galaxy Home, ma il dispositivo alimentato da Bixby non è ancora sul mercato. Il CEO del gruppo, Hyun-suk Kim ha dichiarato al ad un quotidiano coreano che il gadget è “pianificato per essere lanciato nella metà del secondo semestre dell’anno”. Ciò suggerisce che il Galaxy Home arriverà probabilmente sugli scaffali in agosto settembre, ossia 12 mesi dopo il suo debutto e quattro mesi dopo la data di uscita prevista per aprile. Più o meno quanto successo all’HomePod di Apple, che però in alcuni paesi c’è, come gli States, mentre altrove è ancora un fantasma, una sorta di Godot della tecnologia di consumo.

Come sarà fatto

Non c’è una parola ufficiale su ciò che sta causando il rallentamento, ma è chiaro che, in quanto primo prodotto del genere per Samsung, il produttore vuole essere certo che tutto vada per il verso giusto, senza malfunzionamenti e problemi per gli utenti. L’altoparlante è avvolto in un materiale di tessuto ed è rialzato da tre gambe metalliche. Samsung promette un “suono incredibile” grazie ai sei altoparlanti incorporati e al subwoofer in dotazione: otto microfoni a campo largo faranno in modo che Bixby ascolti sempre i comandi, anche per pilotare i dispositivi connessi e aggiunti alla piattaforma SmartThings, pure integrata nel Galaxy Home.

Altro elemento essenziale a noi sconosciuto è il prezzo. Non si sa ancora quanto costerà il Galaxy Home ma è evidente che si manterrà sull’onda del mercato, diciamo tra i 299 e i 499 euro. L’altoparlante intelligente, come sappiamo, non è l’unico prodotto di Samsung in ritardo; l’azienda non ha ancora svelato il futuro del Galaxy Fold, incline a rovinarsi troppo facilmente nelle sue unità di prova. Recenti rapporti suggeriscono che il lancio dello smartphone flessibile andrà oltre giugno.

Leggi anche:  Huawei multata di 10 milioni per violazione di brevetti legati al 4G LTE