Comau, la nuova cultura del lavoro

Comau, la nuova cultura del lavoro

Quarantasei grandi aziende hanno raccolto la sfida lanciata dall’ottava edizione di AIDP Award, il concorso nazionale che premia l’innovazione delle pratiche dei protagonisti del lavoro e l’eccellenza in ambito HR.

Un’importante occasione di confronto a colpi di progetti, idee e sperimentazioni per conoscere la pluralità di proposte a cui le aziende e le direzioni del personale stanno dando forma per una nuova cultura del lavoro. Si aggiudica il gradino più alto del podio e.DO Experience, il progetto sviluppato dalla direzione risorse umane di Comau che, con 14 stabilimenti produttivi, 32 sedi in 14 paesi, novemila dipendenti e 5 centri di innovazione è leader mondiale nello sviluppo di prodotti e sistemi avanzati per l’automazione industriale. Scopriamo con Donatella Pinto, head of human resources, ed Ezio Fregnan, Comau academy director, perché e.DO Experience ha conquistato la commissione e i 700 partecipanti del 48esimo Congresso Nazionale AIDP (Assisi, 7 e 8 giugno) che lo hanno giudicato il miglior progetto dell’anno.

COMAU ACADEMY

Comau è, da oltre 45 anni, leader nel settore dell’automazione industriale e della robotica, nel quale combina soluzioni ingegneristiche innovative, perfettamente integrate in chiave digitale, con un’idea di automazione ”aperta”, facile da usare, orientata alla collaborazione uomo/macchina, denominataHUMANufacturing” (Human Manufacturing). «Comau Academy – spiegano Donatella Pinto ed Ezio Fregnan – si propone di ispirare e formare studenti, neolaureati e professionisti attraverso programmi formativi sviluppati in partnership con scuole e università (laboratori, programmi intensivi, master di diverso livello, workshop) e incentrati sulle discipline STEM, robotica e abilità individuali/di team, che saranno le skills distintive dei “mestieri 4.0”. Rendere accessibili le competenze più all’avanguardia per costruire il futuro rappresenta un vero e proprio asset per responsabilità sociale, branding e talent attraction».

Leggi anche:  M&C SAATCHI PR annuncia l'ingresso di Ciak Roncato

FORMARE LE COMPETENZE DEL FUTURO

La digital transformation richiede di connettere gli attori del processo di apprendimento (giovani, università e aziende) con gli oggetti stessi di apprendimento per affrontare la sfida delle competenze del futuro. «I nostri giovani, straordinariamente attratti dalla tecnologia e così veloci nel coglierne i benefici, ci hanno fatto pensare. Comau possiede un know-how di eccellenza nell’automazione industriale e nella robotica, perché non distillarlo in un robot educativo open source, facile da usare, che favorisca l’apprendimento integrato di discipline STEM, soft skills e cultura industriale? È così che è nato e.DO, insieme allo straordinario flusso di esperienze di robotica educativa chiamato e.DO Experience».

FAR FIORIRE L’UMANO NEL LAVORO

Il lavoro cambia sempre più velocemente. L’esperienza è la maestra più esigente: prima ti fa l’esame e poi ti spiega la lezione, per citare il famoso aforisma di Oscar Wilde. «Consapevoli di ciò – continuano Donatella Pinto ed Ezio Fregnan – abbiamo inseguito il nostro sogno di innovazione formativa, con l’ambizione di creare cultura e di dotare le nuove generazioni delle competenze necessarie per le sfide del futuro. e.DO Experience è la risposta ideata e sviluppata da Comau Academy, un progetto educativo che utilizza i robot per far vivere esperienze di apprendimento integrate. e.DO è un robot antropomorfo, flessibile e interattivo, progettato per l’educational sulla base di oltre 45 anni di esperienza nell’automazione di Comau».

LO SVILUPPO DEL PROGETTO

Le fasi di design, engineering e manufacturing del robot e.DO nascono con una modalità quasi da startup, con il coinvolgimento di diverse funzioni aziendali (HR, Marketing, Innovation) e della business unit Robotics and Automation Products. L’idea innovativa è l’uso di e.DO per sviluppare non solo competenze di Robotica e coding, ma anche STEM (Scienze, Tecnologia, Ingegneria, Matematica), soft skills e cultura d’impresa. «La sua realizzazione ha richiesto lo sviluppo di due iniziative. Si tratta di e.DO Learning Center, un ambiente di apprendimento nel quale bambini e studenti utilizzano e.DO per esercitarsi in sessioni interattive, guidati da un tutor Comau. Attualmente, la fornitura di robot e pacchetti didattici completi a fondazioni, scuole, università ha coinvolto circa diecimila giovani in età scolare! La seconda iniziativa è il Patentino della robotica, un percorso formativo blended che fornisce ai giovani un certificato di robotica riconosciuto a livello internazionale e che finora ha rilasciato cinquemila Patentini di Robotica».

Leggi anche:  TeamSystem acquisisce la maggioranza di TechMass

OBIETTIVI DEL PROGETTO

«Comau Academy attraverso e.DO persegue tre obiettivi: 1) CSR ovvero avvicinare i giovani all’industria del futuro, offrendo loro esperienze educative uniche e di grande valore; 2) Employer branding, per qualificare Comau sul mercato del lavoro come attore di rilievo per la digital transformation e l’Industria 4.0 e come centro di trasmissione del sapere per le nuove generazioni; 3) Talent attraction, per creare un network di giovani talenti interessati al mondo della robotica e dell’automazione industriale dal quale attingere per dotarsi delle competenze necessarie per la competitività del futuro. Attraverso il Master in Manufacturing 4.0 del Politecnico di Torino, progettato insieme a Comau Academy, nell’ambito di 7 edizioni, sono stati assunti dall’azienda oltre 120 giovani ingegneri».

DISSEMINAZIONE

Nell’ottica della crescente internazionalizzazione e interconnessione dei mercati, Comau può fare leva sulla sua natura di player globale per diffondere le pratiche sperimentate. «Grazie alla sua rete multinazionale – spiegano i manager di Comau – il format di e.DO Experience si sta diffondendo in tutto il mondo. Un team di disseminazione dedicato ha avviato sperimentazioni in USA, Cina, Sudafrica e India, con l’obiettivo – entro la fine dell’anno – di avviarne in tutti gli altri paesi di presenza Comau attraverso network di aziende, fondazioni e scuole locali. Nel 2019, in Italia aziende private ed enti locali avvieranno studi di fattibilità per esportare il modello di robotica educativa a settori scolastici e produttivi complementari».

LE PAROLE CHIAVE DI COMAU

Open innovation: una sfida per il tradizionale approccio di Comau al manufacturing, che ha permesso di sviluppare competenze del tutto nuove. Apertura: l’innovazione guidata da Comau ha messo a frutto partnership strutturali con istituzioni, università, scuole. HUMANufacturing: nell’industria 4.0, la crescente integrazione uomo/macchina nasce solo dalla familiarità con l’automazione, coltivata facendo emergere i giovani talenti al più presto. E oggi, già più di diecimila giovani hanno vissuto queste esperienze, ispirate dalla visione che in Comau chiamano HUMANufacturing. Innovazione nella robotica con finalità educational sotto la guida strategica della funzione HR. Il robot come ambasciatore presso i giovani non solo di cultura tecnologica ma anche di STEM, soft skills e cultura industriale.

Leggi anche:  Grazie a Ricoh la produzione in Montenegro è più lean

Sonia Rausa – AIDP


L’energia delle persone

AIDP – Associazione Italiana per la Direzione del Personale – è il network italiano dei
manager e professionisti HR. Una community di oltre 17.000 membri, 3000 soci attivi, 16 gruppi regionali, una rete internazionale. Dal 1960 AIDP promuove uno sviluppo serio e responsabile della cultura manageriale in ambito risorse umane. Attraverso eventi, pubblicazioni, progetti e studi sul mondo del lavoro sostiene il successo delle organizzazioni e la crescita delle persone che vi lavorano.