Project Loon di Google sta per iniziare i test commerciali

Project Loon di Google sta per iniziare i test commerciali

Big G è pronta a far volare i suoi palloni a energia solare, che porteranno internet in zone disagiate del pianeta, a partire dal Kenya

L’avevamo perso di vista ma l’obiettivo di internet per tutti di Google è ancora attivo. Project Loon è infatti in una fase di pre-lancio commerciale, come ha sostenuto la stessa Big G, che vedrà lo sperimentale progetto prendere il piede a livello globale, utilizzando palloni a mo’ di mongolfiere, che si muovono grazie all’energia solare, utili a trasmettere il segnale web ai cittadini sottostanti, in modo particolare gli abitanti di zone non sviluppate a livello tecnologico, come il Kenya. Proprio il paese sarà uno dei primi tester sul campo, parte di un’iniziativa voluta da Telkom Kenya, che distribuirà il 4G in villaggi e paesi.

Cosa sappiamo

Le autorità keniane hanno confermato la bontà di Project Loon e la volontà di promuovere l’idea concretamente. Fino ad ora, Loon è stato un servizio in fase di sviluppo, capace di ripristinare l’accesso alla rete nelle aree colpite da disastri naturali, come Puerto Rico e il Perù. Una volta avviati i test commerciali, altri paesi guarderanno con interesse alla situazione, per capire se può rappresentare davvero un vantaggio per i cittadini. Sembra una banalità ma non tutti colgono con attenzione i benefici di internet, fosse pure fruibile da un solo computer attorno al quale siedono centinaia di persone.

Eppure, ci sono regioni che proprio non credono a Project Loon. Indonesia, Nuova Zelanda e Francia hanno ribadito che non solo il progetto non è pronto per un lancio di massa ma che non lo sarà mai. Una ragione è che gli utenti potrebbero comunque perdere l’accesso a internet in caso di forte vento o temporali. Inoltre, nei primi giorni di test, Project Loon ha provocato un allarme in Nuova Zelanda, dopo che qualcuno ha individuato un pallone caduto e l’ha scambiato per un incidente con persone a bordo.

Leggi anche:  Negli USA gli utenti scappano da Facebook, il 25% ha disinstallato l'app