Oracle annuncia i risultati finanziari Q1 2019-2020

Oracle annuncia i risultati finanziari Q1 2019-2020

Risultato operativo in aumento del +4% e del +6% calcolato in valuta costante

Oracle Corporation ha annunciato i risultati finanziari del primo trimestre fiscale del FY2020. I ricavi totali sono stati 9,2 miliardi di dollari, leggermente superiori – e in crescita del +2% in valuta costante – rispetto al primo trimestre dello scorso anno. I ricavi dei servizi Cloud e del supporto licenze sono stati pari a 6,8 miliardi di dollari, mentre i ricavi delle licenze Cloud e On-Premise sono stati di 812 milioni di dollari.

L’utile operativo GAAP è cresciuto del +4% a 2,9 miliardi di dollari e il margine operativo GAAP è stato del 31%. L’utile operativo non-GAAP è salito del +2% a 3,8 miliardi di dollari e il margine operativo non-GAAP è stato del 42%. L’utile netto GAAP è stato di 2,1 miliardi di dollari e l’utile netto non-GAAP è stato di 2,8 miliardi di dollari. Gli utili per azione GAAP sono aumentati del +11% a 0,63 dollari, mentre gli utili per azione non GAAP sono aumentati del +14% a 0,81 dollari.

I ricavi differiti a breve termine sono stati pari a 10,1 miliardi di dollari. Il Cash Flow operativo è stato di 13,8 miliardi di dollari negli ultimi 12 mesi.

“Gli utili non-GAAP per azione sono cresciuti del +14%, del +16% in valuta costante”, ha dichiarato il CEO di Oracle, Safra Catz. “Poiché le nostre attività hardware a basso margine continuano a ridursi, mentre le nostre attività cloud a margine più elevato continuano a crescere, ci aspettiamo che margini operativi, utili per azione e flusso di cassa siano tutti in aumento. Siamo partiti bene nell’anno fiscale 2020, e ci aspettiamo che questo sia il nostro terzo anno consecutivo di crescita a due cifre degli utili per azione non-GAAP”.

Leggi anche:  Talend acquisisce Stitch

“Il nostro business applicativo in ambito ERP cloud, che comprende Fusion ERP e NetSuite ERP, è cresciuto del +33% nel primo trimestre”, ha dichiarato Mark Hurd, l’altro CEO di Oracle. “Ora abbiamo oltre 6.500 clienti Fusion ERP e oltre 18.000 clienti NetSuite ERP. Questa crescita sostenuta e continua ha consolidato la nostra posizione di leader di mercato nel cloud ERP in tutto il mondo, e la nostra posizione di numero uno nel business totale delle applicazioni aziendali SaaS in Nord America”.

“L’autonomia è l’attributo che definisce il Cloud di seconda generazione (Gen2 Cloud) ” ha detto il CTO di Oracle, Larry Ellison. “La prossima settimana, al nostro evento mondiale OpenWorld, annunceremo un gran numero di nuovi servizi Autonomous Cloud per integrare Oracle Autonomous Database, il lancio di maggior successo nella storia di Oracle. Abbiamo acquisito più di 500 nuovi clienti Cloud di Autonomous Database nel primo trimestre, e ci aspettiamo di aggungerne più del doppio nel secondo trimestre”.

Oracle Autonomous Database si autogestisce, ovvero codifica automaticamente tutti i dati, esegue il proprio backup, si aggiorna da solo e si applica le patch di sicurezza quando viene rilevata una minaccia o una vulnerabilità. Fa tutto questo in modo autonomo, durante il funzionamento, senza la necessità di alcun intervento umano e senza tempi di fermo o di inattività.

Il Consiglio di Amministrazione ha autorizzato una maggiore possibilità di riacquisto delle azioni di 15 miliardi di dollari.  Il Consiglio di Amministrazione ha inoltre dichiarato un dividendo in contanti trimestrale di 0,24 dollari per azione delle azioni ordinarie in circolazione. Questo dividendo verrà pagato agli azionisti registrati entro il 10 ottobre 2019 in data 24 ottobre 2019.