Il prossimo Apple Watch potrebbe avere il Touch ID

Un brevetto, individuato per la prima volta da PatentlyApple, suggerisce che l’azienda potrebbe aggiungere il sensore allo schermo dell’orologio connesso

Desideri, per qualunque motivo, il TouchID allo schermo dell’Apple Watch? Bene, forse il tuo desiderio diventerà realtà, più o meno presto. Il motivo? Un brevetto ottenuto da Apple e individuato per la prima volta da PatentlyApple, suggerisce che l’azienda potrebbe lavorare per aggiungere il sensore allo schermo dell’orologio connesso. Il motivo? Sfruttare modalità di accesso biometrico migliori di quelli esistenti, che in realtà sul Watch non sono per nulla presenti.

Tant’è vero che per confermare un pagamento, ad esempio, con Apple Pay, oggi basta premere la corona, invece un domani potremmo sfruttare una tecnica più sicura, diretta copia di quella a bordo degli iPhone pre-notch e ancora su qualche iPad.

Come funzionerà il Touch ID

Può sembrare un passo indietro, dato che i moderni iPhone hanno abbandonato il Touch ID a favore di Face ID, ma la tecnologia è ancora in uso su iPad più economici e MacBook più costosi. Su Apple Watch, il brevetto riguarda specificamente “un dispositivo sensibile al tocco, un dispositivo sensibile alla forza, un dispositivo sensibile alla temperatura e/o un sensore di impronte digitali”. Questo piccolo dettaglio è in realtà parte di un brevetto più ampio sul cinturino.

Apple ritiene di poter spostare l’antenna nel cinturino dell’orologio, liberando spazio per altro hardware, senza renderlo più grande. Siamo dubbiosi sulla fattiva realizzazione di qualcosa del genere, ma mai dire mai nel campo hi-tech. Per quello che riguarda i brevetti, non vi è infatti alcuna garanzia che i vari disegni vedano la luce del giorno, non al di fuori delle stanze segrete delle compagnie.

Leggi anche:  Apple: AirPods 2, AirPower e nuovi iPad attesi il 29 marzo