IBM e ServiceNow: Intelligenza Artificiale per automatizzare l’IT e ridurre costi e rischi

IBM e ServiceNow: Intelligenza Artificiale per automatizzare l'IT e ridurre costi e rischi
Ascolta l'articolo

Estesa la partnership strategica che combina Watson AIOps con ServiceNow IT Service Management e IT Operations Management Visibility

IBM e ServiceNow annunciano di aver esteso la partnership strategica creata per aiutare le aziende a ridurre i rischi operativi e abbassare i costi applicando l’AI per automatizzare le operation IT. Disponibile entro la fine dell’anno, una nuova soluzione congiunta combinerà il software cloud ibrido basato sull’intelligenza artificiale di IBM e i servizi professionali con i workflow intelligenti di ServiceNow e i prodotti di IT service e operation management leader di mercato.

La soluzione è stata progettata per aiutare i clienti a utilizzare i dati per ottenere informazioni più approfondite e guidate dall’intelligenza artificiale, creare la baseline di un tipico ambiente IT e intraprendere azioni sui comportamenti per aiutare a prevenire e risolvere i problemi IT su larga scala. Insieme, IBM e ServiceNow possono aiutare le aziende a guadagnare tempo prezioso e risorse IT dalle attività di manutenzione, per concentrarsi sui progetti di trasformazione necessari per supportare le esigenze digitali delle proprie attività.

“L’intelligenza artificiale è una delle maggiori forze che guidano i cambiamenti nel settore IT e ogni azienda sta rapidamente diventando un’azienda di intelligenza artificiale”. Ha affermato Arvind Krishna, Chief Executive Officer, IBM. “Grazie alla partnership con ServiceNow e alla Now Platform i clienti potranno utilizzare l’intelligenza artificiale per mitigare rapidamente i costi imprevisti degli incidenti IT. Watson AIOps e la Now Platform di ServiceNow, sono insieme un nuovo modo potente di utilizzare l’automazione per trasformare le operazioni IT”.

“Per ogni CEO, la trasformazione digitale è passata da un’opportunità a una necessità”. Ha affermato Bill McDermott, CEO di ServiceNow. “ServiceNow guida la rivoluzione dei workflow e la partnership con IBM combina le capacità di automazione intelligente della Now Platform con la potenza di Watson AIOps. Il nostro obiettivo è guidare un salto generazionale per quanto riguarda il miglioramento della produttività, dell’innovazione e della crescita. ServiceNow e IBM aiutano i clienti a soddisfare le esigenze digitali che ha il business nel 21° secolo”.

Leggi anche:  Bosch e Mercedes-Benz: progetto pilota per il servizio di ride-hailing a guida autonoma

Le organizzazioni sono sotto pressione per creare innovazione ed esperienze eccezionali per i clienti e i dipendenti, il tutto favorendo l’efficienza e mantenendo bassi i costi e i rischi IT. Tuttavia, nella moderna organizzazione basata sulla tecnologia, anche le più piccole interruzioni possono causare un enorme impatto economico sia per la perdita di entrate che per la reputazione. Questa partnership aiuterà le aziende a evitare inutili perdite di guadagni e reputazione, attraverso l’automazione dei vecchi processi IT manuali.

IBM e ServiceNow si focalizzeranno su:

  • Soluzione Congiunta: IBM e ServiceNow forniranno la prima soluzione IT congiunta del suo genere che combina IBM Watson AIOps con i workflow intelligenti di ServiceNow e i prodotti leader di mercato ITSM e ITOM Visibility, per aiutare i clienti a prevenire e risolvere i problemi IT su larga scala. Ora, le aziende che utilizzano ServiceNow ITSM possono inserire i dati relativi alla cronologia degli incidenti negli algoritmi di deep machine learning di Watson AIOps per creare una baseline dell’ambiente IT e allo stesso tempo possono avere la capacità di identificare le anomalie al di fuori di questo ambiente normale, attività che richiederebbe fino al 60% in più di tempo per l’identificazione manuale, in base ai risultati iniziali dei clienti Watson AIOps early adopter. La soluzione congiunta consentirà alle aziende di migliorare la produttività dei dipendenti, ottenere una maggiore visibilità sulla loro impronta operativa e rispondere più rapidamente a incidenti e problemi.

Le capacità specifiche del prodotto includono:

  • ServiceNow ITSM permette all’IT di fornire servizi scalabili su un’unica piattaforma cloud, che si stima aumenti la produttività del 20%
  • ServiceNow ITOM Visibility fornisce automaticamente una visibilità quasi in tempo reale da un Configuration Management Database nativo, in tutte le risorse e il reale stato operativo di tutti i servizi aziendali
  • IBM Watson AIOps utilizza l’AI per automatizzare il modo in cui le aziende rilevano, diagnosticano, rispondono e correggono le anomalie IT in tempo reale. La soluzione è progettata per aiutare i CIO a prendere decisioni più informate nella previsione e nella definizione dei risultati futuri, concentrare le risorse su un lavoro di maggior valore e creare applicazioni più reattive e intelligenti che possono rimanere attive e funzionanti più a lungo. Utilizzando Watson AIOps, il tempo medio per risolvere gli incidenti è stato ridotto del 65%, secondo un recente progetto di proof of concept realizzato per un cliente.
  • Servizi: IBM sta espandendo la sua attività globale con ServiceNow per includere funzionalità aggiuntive che forniscano servizi di consulenza, implementazione e gestione all’interno della Now Platform. Professionisti IBM altamente qualificati utilizzeranno la propria esperienza per innovare ancora più rapidamente. I professionisti IBM Services introdurranno inoltre i clienti a workflow intelligenti per migliorare la resilienza e ridurre il rischio IT. ServiceNow sta co-investendo nella formazione e nella certificazione dei dipendenti IBM e del personale dedicato per il successo dei clienti
Leggi anche:  Nutanix estende la sua Invisible Infrastructure agli ambienti Big Data e Analytics

Ad esempio, utilizzando la soluzione congiunta IBM e ServiceNow, una banca sarà in grado di ottenere una visione completa di un incidente, dall’inizio alla fine. Grazie ai consigli e alla diagnosi approfondita di Watson AIOps, un addetto all’assistenza sarà in grado di comprendere rapidamente l’incidente, senza mai uscire dalla la piattaforma ServiceNow ITSM. Watson AIOps rileva le anomalie e fornisce consigli automatizzati a partire dall’analisi della cronologia degli incidenti. Utilizzando gli strumenti di gestione degli incidenti di ServiceNow, le azioni e le informazioni possono essere registrate a scopo di controllo e per sfruttare informazioni future. Watson AIOps può quindi aprire dei ticket, scoperti solo grazie agli algoritmi AI, contribuendo a rendere i dati più utili e riutilizzando l’AI nel tempo.

“Le aziende sono sempre più sotto pressione per adeguarsi al ritmo digitale di un mercato cloud-first e soddisfare le richieste dei clienti”. Ha affermato Stephen Elliot, program vice president, DevOps and Management Software, IDC. “I C-Level trasformano i workflow per disporre di insight e automazione e ottenere modelli più efficienti per il coinvolgimento dei clienti e strategie di contenimento dei costi per l’azienda, semplificando allo stesso tempo le operazioni IT e aumentando la collaborazione tra IT e stakeholder aziendali”.