Nutrire il pianeta, energia per la vita

La sfida di Expo 2015. Quale ruolo per l’ICT?

La popolazione mondiale nel 2050 raggiungerà i 9 miliardi. Più del 50% delle persone nel mondo non ha mai fatto o ricevuto telefonate. Entro la fine del 2009, 1 abitazione su 5, nel mondo, avrà una connessione fissa broadband.

Un terzo delle aziende in Italia non è in Rete. L’insieme dei server installati in tutto il mondo consuma ogni anno tanto quanto l’Italia e la Francia messe insieme.

Per produrre un kilowattora di energia si emettono nell’atmosfera circa 160 grammi di anidride carbonica. Più di due miliardi di persone vivono con meno di due dollari al giorno.

Il nostro mondo è fatto ancora di due parti che non riescono a comunicare fra loro. La sfida di Expo 2015 dovrebbe essere quella di avvicinarle e metterle in comunicazione.

Tu da che parte stai? Partecipa alla Tavola Rotonda Ict&Expo 2015 insieme a Maurizio Dècina (Professore ordinario di Telecomunicazioni, Politecnico di Milano) Gianfranco Dioguardi (Professore ordinario di Economia e Organizzazione aziendale al Politecnico di Bari), Enrico Frascari (Direttore Ict di Expo 2015 S.p.A.), Giancarlo Livraghi, Studioso di comunicazione, Fiorella Operto (Cofondatrice della Scuola di Robotica di Genova), Angelo Paris (Direttore pianificazione e controllo, Ict e acquisti di Expo 2015 S.p.A.), Ruben Razzante (Professore di diritto dell’informazione e del prodotto culturale all’Università Cattolica di Milano).

L’incontro sarà moderato dal giornalista economico Oscar Giannino.

Maggiori informazioni cliccando qui
 

Leggi anche:  Paolo Caffagni nuovo Sales & Marketing Director di FabricaLab