Fujitsu presenta Infrastructure-as-a-Service for Server: la flessibilità in ambiente cloud

Fujitsu ha annunciato la disponibilità di soluzioni Infrastructure-as-a-Service (I-a-a-S) che integrano i prodotti server e storage ad alta affidabilità di Fujitsu con le sue competenze in materia di Netwrking e di Servizi con l’obiettivo di completare il livello più elevato del portafoglio Fujitsu Dynamic Infrastructures.

La prima soluzione presentata è Infrastructure-as-a-Service for Server, introdotta nella regione CEMEA&I.

Infrastructure-as-a-Service for Server costituisce un salto di qualità per tutte le imprese in quanto consente la dematerializzazione dell’hardware IT. Il costo a consumo del modello Infrastructure-as-a-Service, già pratica standard nei servizi come le tlc, l’elettricità e le risorse idriche, viene ora esteso anche alle risorse informatiche.

La proposta Fujitsu I-a-a-S for Server offre alle imprese l’opzione di sostituire completamente o parzialmente l’hardware installato on-premise con una connessione plug-in semplice e sicura verso server fisici situati presso data center Fujitsu protetti e dedicati.

La linea di prodotti server Fujitsu PRIMERGY e la combinazione di supporti storage ETERNUS e le competenze di rete e di servizio garantiscono i componenti necessari per un’allocazione dinamica e affidabile delle risorse server.

La gestione del servizio fornita da Fujitsu fa sì che i clienti possano abbinare la proposta I-a-a-S for Server alla propria Dynamic Infrastructure on-premise.

La connessione di rete alle risorse server passa per un collegamento internet VPN sicuro anziché attraverso una connessione di rete verso una server room.

Passando al modello I-a-a-S for Server le imprese possono beneficiare di provisioning rapido, elevata scalabilità e load balancing del servizio, rapido e semplice procurement di funzionalità server, modello di listino a consumo e costi gestionali ridotti.

Fujitsu I-a-a-S for Server costituisce la soluzione ideale per quelle aziende che intendono focalizzarsi sul proprio core business lasciando la gestione delle risorse IT a professionisti esterni.

Leggi anche:  Canon presenta una nuova serie di stampanti inkjet per l’ufficio

I-a-a-S for Server è particolarmente indicata per le realtà di piccole e medie dimensioni che dispongono di un supporto IT limitato se non addirittura nullo, e rappresenta un’ottima alternativa per il mondo enterprise alle prese con la gestione dei picchi di richieste, una situazione risolvibile grazie all’outsourcing di parti del loro IT.

Fujitsu I-a-a-S for Server è una soluzione indicata anche per i clienti che desiderano acquistare risorse informatiche in maniera flessibile ottenendo un buffer capace di supportare i momenti di picco della richiesta.

Carlo Musazzi responsabile Business Practice Managed Services & Infrastructure as a Service, ha così commentato: “L’annuncio della nostra prima offerta Infrastructure-as-a-Service segna un salto di qualità per tutta la nostra clientela – ora finalmente in grado di utilizzare le risorse server in base alla domanda, proprio come avviene con i servizi di utility.

Tramite una semplicissima connessione, i clienti hanno accesso immediato a componenti server scalabili e affidabili, rafforzati dal supporto completo fornito da Fujitsu che copre dalla piattaforma di base fino alle soluzioni, ai servizi e al software”.

Opzioni server flessibili

La soluzione Fujitsu I-a-a-S for Server si basa su un’infrastruttura flessibile gestita da server dedicati o virtualizzati. Ai clienti viene garantita la disponibilità di capacità server e di funzioni aggiuntive erogate in poche ore, mentre l’uptime è assicurato nel rispetto dei Service Level Agreement stabiliti.

Ulteriore flessibilità è garantita dalla possibilità di installare il proprio software su un server “bare metal” o di ricorrere a un modello completamente funzionale gestito da Fujitsu.

L’approccio Fujitsu Dynamic Infrastructures è sinonimo di libertà per i clienti che possono disporre di una estesa gamma di opzioni di modelli per il delivery dei servizi IT in grado di soddisfare qualsiasi esigenza a partire dalle soluzioni, dal software e dall’hardware on-premise, fino ai Managed Services – per i quali Fujitsu si fa carico della gestione dei sistemi on-premise – e alle nuove soluzioni Infrastructure-as-a-Service.

Leggi anche:  Tecnologia inkjet: un evento firmato Impresa e Ricoh

Inoltre sono possibili molteplici combinazioni sulla base delle esigenze di business.Passando al modello Infrastructure-as-a-Service for Server, i nostri clienti beneficeranno del concetto pay-per-use includendo in un’unica fattura mensile l’utilizzo effettivo del servizio, con prezzi a partire da 195 euro al mese per server.

Diversamente da quanto accade nel caso delle offerte di cloud pubblici da parte degli Internet Service Provider, l’architettura Fujitsu I-a-a-S for Server si focalizza sull’erogazione della massima sicurezza possibile per dati e applicazioni. La soluzione Fujitsu si differenzia per la connessione VPN sicura alla rete privata aziendale.

Opzioni del servizio

Fujitsu offre numerose opzioni attraverso un portale Web I-a-a-S. Virtual Server senza sistema operativo offre una capacità server bare-metal erogata da un server virtuale, oltre alla possibilità di aggiungere componenti ad hoc. Virtual Server senza sistema operativo fornisce un sistema virtualizzato che include le licenze appropriate.

Fujitsu si occupa della gestione del sistema operativo, mentre i componenti aggiuntivi possono essere installati, gestiti e supportati direttamente dal cliente. Dedicated Server fornisce invece un server ad uso esclusivo sul quale i clienti possono configurare e gestire il proprio sistema operativo o le proprie macchine virtuali.

Per agevolare il passaggio alla nuova offerta, Fujitsu offre servizi aggiuntivi che includono un supporto consulenziale per dare ai clienti la possibilità di determinare dove abbia più senso utilizzare il modello I-a-a-S, e di capire quale sia il modo migliore per eseguire l’implementazione.

Affinché il passaggio sia immediato con un downtime pianificato minimo, Fujitsu definisce gli ambienti di test su server provvisori per poi passare a sistemi real-time una volta che l’implementazione sia stata completata e collaudata.

Leggi anche:  Il Galaxy Fold sopravvive al 60% delle pieghe dichiarate da Samsung