IKEA al sicuro con gli UPS Chloride

Il famoso marchio d’arredamento svedese si affida agli UPS Chloride per alimentare l’energia dei propri megastore in Italia. L’affidabilità delle apparecchiature e l’assistenza puntuale e continua furono i motivi di questa scelta all’apertura dei primi punti vendita e lo sono ancora oggi.

IKEA è conosciuta in tutto il mondo per l’offerta di articoli di arredamento dal design piacevole e innovativo, funzionali e a prezzi vantaggiosi. Dall’anno della sua nascita, il 1943, ha avuto una crescita eccezionale in tutto il mondo ed anche in Italia il marchio si è affermato in breve tempo: dal 1998 ad oggi sono nati 15 negozi con una sede centrale a Carugate (Milano).

Alla base di questo successo, processi aziendali efficienti, un’organizzazione che ben si adatta alla realtà di ogni paese e una visione strategica che ha come caposaldo il rispetto per l’ambiente.

A tal proposito da anni IKEA persegue il miglioramento della propria efficienza energetica che si riflette anche nell’attenzione particolare verso la qualità e la sicurezza degli impianti elettrici e delle apparecchiature.

GLI UPS CHLORIDE AL CENTRO DEL SISTEMA DI ALIMENTAZIONE ENERGETICA

Per quanto riguarda la progettazione e installazione degli impianti arrivano indicazioni dalla casa madre che poi vengono applicate alle normative dei singoli paesi. L’Ing. Vincenzo Donnola è il Facility Manager di IKEA Italia e si occupa prevalentemente di coordinare le attività di manutenzione e monitoraggio degli impianti dei negozi.

L’impianto di ogni singolo megastore è costituito da una cabina di trasformazione, “power center”, dalla quale si dipartono i cavi elettrici, uno dei quali alimenta il gruppo elettrogeno che a sua volta alimenta gli UPS.

“È facilmente intuibile come in questa disposizione gli UPS rivestano un ruolo fondamentale: ad un UPS fa capo tutta l’illuminazione di sicurezza ed è importante che sia sempre efficiente, mentre l’altro salvaguarda tutte le linee di dati che vengono generati dai sistemi di vendita con le operazioni di identificazione e codificazione dei prodotti.

Leggi anche:  Samsung Galaxy S10+ potrebbe avere un display con doppio foro per le fotocamere

I gruppi di continuità dunque devono essere affidabili, efficienti e non presentare problematiche, per questo ci affidiamo da sempre a Chloride”,  ha affermato l’Ing. Donnola.

Dal 1998 ad oggi sono stati installati una sessantina di UPS Chloride nei negozi IKEA Italia ed anche nel data center della sede di Carugate. Tra i vari modelli ricordiamo anche la gamma 80-NET che si distingue per flessibilità, prestazioni elevate e risparmio energetico.

“I fattori che ci fanno propendere per Chloride sono, oltre alla qualità delle macchine, la serietà dell’azienda che si esprime in un’assistenza puntuale e tempestiva, e l’ampia gamma di servizi come quello di monitoraggio, il LIFE.net”, ha dichiarato Donnola.

L’IMPORTANZA DI UN CHECK CONTINUO: LIFE.NET

IKEA ha stipulato un contratto di manutenzione con Chloride che comprende il servizio LIFE.net. di monitoraggio a distanza degli UPS, 24 ore su 24, 365 giorni all’anno.

Il programma verifica oltre 150 parametri di funzionamento dell’UPS ed effettua la diagnosi preventiva di tendenze anomale. Viene poi stabilita una comunicazione tra il sistema IKEA e il LIFE Command Centre di Chloride, in maniera automatica e continua, ad intervalli di tempo predefiniti e ogni qualvolta si verifichi un’anomalia.

Ogni situazione di emergenza viene gestita e risolta con estrema rapidità, direttamente on line, oppure, se necessario, con l’immediato intervento in loco del tecnico specialista.

“Tempo fa si è verificato un danneggiamento dell’UPS in un negozio. Gli operatori Chloride, grazie al LIFE.net, si sono immediatamente accorti dell’anomalia ed hanno provveduto a procedere con la sostituzione. È un plus di Chloride al quale non vogliamo rinunciare.

Da poco abbiamo rinnovato il contratto di manutenzione e abbiamo inserito la ricezione non solo degli avvisi delle problematiche degli UPS ma anche di quelli relativi ai cali di tensione”, ha puntualizzato il Facility Manager di Ikea Italia.

Leggi anche:  Smart working. Il ruolo dei device intelligenti

“Il connubio tra IKEA e Chloride ha le premesse per continuare nel tempo, il nostro rigore e la nostra cura del dettaglio ben si concilia con la loro affidabilità”, ha concluso l’Ing. Vincenzo Donnola.