Arriva CYMICHIP: il chip che rivoluziona il mondo della bicicletta

CymiChip è l’idea che non c’era: è l’uovo di Colombo che aiuta il negoziante e rende un servizio impagabile, al consumatore finale.

E’ un microchip, del peso di soli 3 gr, che va inserito all’interno del tubo sella: pochi grammi di tecnologia che, da quel momento, raccoglieranno tutte le informazioni relative alla storia di quella bicicletta.

Come funziona? E’ semplicissimo. Il punto vendita inserisce il microchip nella bici poi, tramite un apposito lettore, collega CymiChip al PC e con il software in dotazione carica tutti i dati relativi alla bicicletta ed al cliente finale.

Da quel momento, la bicicletta ha la sua carta di identità e proprietà, sulla quale verranno segnati tutti i dati importanti: un vero e proprio diario di bordo che raccoglierà informazioni sulle manutenzioni periodiche, gli interventi tecnici, le sostituzioni di componenti, gli eventuali incidenti o le migliorie.

Il microchip lega il consumatore finale alla bici e la bici al rivenditore che, tramite CymiChip, potrà tenerlo aggiornato sullo scadere del suo tagliando (il sistema genera un sms/email automatico che raggiunge il proprietario della bici e gli ricorda di portare il mezzo a controllare), oppure comunicargli importanti novità che possono riguardare la sua bici, o ancora, in caso di un recall di prodotto, arrivare con precisione certosina al possessore di un articolo richiamato.

Il consumatore, accedendo alla propria pagina sul sito CymiChip, potrà in qualsiasi momento, stamparsi la storia della sua bici o vedere in tempo reale che cosa sta facendo il rivenditore sul mezzo, quando sarà pronto e perfino, quanto gli costerà il tagliando.

E non solo, in caso di vendita dell’usato, una bici dotata di CymiChip acquista valore, perché è possibile tracciarne la storia con precisione. Ad esempio, sarà possibile provare al nuovo acquirente, senza ombra di dubbio, che il mezzo non ha mai subito incidenti o che tutte le manutenzioni periodiche sono state correttamente e regolarmente effettuate.

Leggi anche:  L'ultima profezia di Hawking: "Una razza di superuomini con DNA modificato ci porterà all'estinzione"

Per il consumatore finale, scegliere una bici dotata di CymiChip è garanzia di qualità e di servizio. CymiChip contribuisce a promuovere la cultura di una bici sicura, amata, mantenuta. Inoltre, con i suoi avvisi periodici, responsabilizza il consumatore, sottolineando l’importanza della manutenzione e della cura del mezzo.

E non è tutto: EuropAssistance ha messo a punto un pacchetto ad Hoc, come partner dell’iniziativa. Si chiama SOS CymiChip e nel caso in cui si resti a piedi per un problema meccanico, un incidente o quant’altro, il cliente CymiChip potrà chiamare il numero verde EuropAssistance per il rientro al domicilio, l’eventuale consulenza medica o il trasferimento in un centro ospedaliero italiano.