Windows, Office e la ricchezza del feudo tecnologico di Microsoft

Windows, Office e la ricchezza del feudo tecnologico di Microsoft
  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares

Certo, la competizione è più forte che mai, Certo, le aree tecnologiche diventate oggi strategiche – mobile phones, computer tablet, internet search, cloud computing – richiedono una risposta allineata alle nuove dinamiche del mercato. Eppure Microsoft continua a presentare risultati finanziari del tutto positivi.

L’ultimo trimestre fiscale concluso a settembre si è chiuso con un aumento del 51% dei profitti, performance di assoluta rilevanza per una società che vanta un portafoglio di prodotti e soluzioni che spazia dalla dimensione aziendale a alla dimensione consumer. Il mercato controllato da Microsoft è ancora un mercato altamente profittevole.

Altrettanto positiva la crescita in termini di fatturato che ha segnato un +25%. Il nemico di sempre, Apple, non è da meno: 70% di aumento di profitti, determinati in modo sostanziale dalle vendite di iPhones e iPad e una capitalizzazione di mercato superiore a quella di Microsoft.

Quest’anno il valore azionario della società di Steve Jobs ha superato quello di Microsoft, 280 miliardi di dollari contro i 227 dell’ex numero uno, un evento storico. Segnali che riflettono la potenzialità accreditate dal mercato finanziario nei confronti delle due imprese.

Il business di Microsoft si evidenzia per essere fortemente dipendente da Windows. Il lancio del nuovo sistema operativo Windows 7 ha portato all’azienda risultati che ricordano il successo ottenuto negli anni d’oro del personal computer: il business generato da Windows 7 è passato, trimestre su trimestre, da 2,88 miliardi di dollari a 4,79 miliardi, cifra che corrisponde a un aumento del 66%.

In un anno il numero di licenze vendute, in base a quanto affermato da Microsoft, è di 240 milioni, un risultato che consacra Windows 7 come il sistema operativo che, nel primo anno di vita, ha conseguito il miglior successo di vendita rispetto ai suoi predecessori.

Il positivo risultato di Windows 7 si accompagna a quello di Office, il pacchetto di produttività: con il rilascio della nuova versione, Office 2010, il numero delle vendite, è cresciuto del 20%. E la divisione business, nonostante la criticità economica che ha frenato gli investimenti di molte imprese, ha guadagnato un 14%.

Di fronte a questi risultati che dire? Che il mondo di Microsoft rimane un feudo tecnologico che produce ancora una grande ricchezza. Nonostante Apple, nonostante Google.

 


  • 3
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    3
    Shares
Categorie: Mercato