Report IDC: Websense guida il mercato della Web Security

Secondo l’ultimo report IDC, Websense continua a guidare il mercato mondiale della sicurezza Web per il settimo anno consecutivo e nel 2008 ha raddoppiato la propria market share nel segmento della Web security software-as-a-service.

IDC ha nominato ancora una volta Websense leader indiscusso nel mercato della sicurezza Web, che comprende sicurezza software, applicazioni e software-as-a-service (SaaS) per proteggere contro gli attacchi inbound (malware) e outbound (perdita di dati).

Nel 2008 Websense ha raggiunto il 26,2% del mercato mondiale della Web security e una crescita del 96,3% nel segmento della Web security SaaS.

Secondo il report, la crescita nell’utilizzo di strumenti Web 2.0 da parte delle aziende e il numero sempre maggiore di lavoratori mobile e da remoto hanno aumentato le possibilità di attacchi informatici e di perdita di dati.

IDC stima che il mercato mondiale della Web security crescerà del 12,3% da 1,4 miliardi di dollari nel 2008 a 2,5 miliardi nel 2013 e che la sicurezza Web SaaS sarà il settore con una crescita più intensa.

Per bilanciare il valore in termini di business del Web 2.0 con i rischi legati alla sicurezza, le aziende hanno bisogno di strumenti che offrano classificazione e analisi in tempo reale e tecnologie contro la perdita di dati.

“Websense ancora una volta guida il segmento della Web security e nel 2008 ha aumentato la propria market share nel SaaS”, ha dichiarato Brian Burke, security program director di IDC.

“Websense continua a sviluppare le proprie competenze strategiche di individuazione e classificazione dei contenti per offrire ai clienti la massima visibilità e capacità di gestione nell’universo del Web 2.0”.

“Websense è da anni leader in questo mercato e oggi stiamo espandendo la nostra expertise dal software on-premise al SaaS, grazie a Hosted Web Security e Websense V10000 Web Security Gateway”, ha aggiunto John McCormack, president di Websense.

Leggi anche:  Minacce interne da dati a riposo, dati falsi e cattivi attori. La ricerca Forcepoint