RSA e Trend Micro insieme contro gli attacchi online

RSA, la divisione di sicurezza di EMC, ha stretto un accordo con Trend Micro per accrescere la propria capacità di protezione dalle minacce online, facendo leva su un servizio di intelligence in tempo reale.

Il servizio RSA FraudAction, operato dall’Anti-Fraud Command Center 24×7, è ora collegato all’infrastruttura “in-the-cloud” Smart Protection Network di Trend Micro per ricevere in tempo reale informazioni generate dal servizio di intelligence a livello mondiale di Trend Micro.

Trend Micro Smart Protection Network è un’infrastruttura di protezione dei contenuti “cloud-client” di nuova generazione progettata per proteggere i clienti dalle minacce online.

A seguito di tale accordo, il servizio RSA FraudAction ha ampliato il proprio servizio di intelligence sulle frodi e crimeware sospetti quali virus, spyware, spam e altri tipi di malware.

Queste potenzialità consentiranno all’Anti Fraud Command Center una maggiore qualificazione, analisi, monitoraggio e blocco degli attacchi online per difendere in modo ancora più efficace i propri clienti.

“La collaborazione tra due leader in ambito sicurezza online rappresenta un ulteriore passo avanti nella lotta contro il cyber crimine, che mostra segni di costante crescita grazie alla capacità dei frodatori di organizzarsi e di essere sempre più efficaci,” ha dichiarato Tom Corn, Vice President of Product Marketing di RSA.

“La lotta contro i cyber criminali richiede una collaborazione ben più strutturata tra le aziende del settore – come quella tra RSA e Trend Micro – con la creazione di un ecosistema di sicurezza focalizzato sulla mitigazione del rischio.”

“La forza di Trend Micro Smart Protection Network, unitamente al servizio RSA FraudAction, offre ai clienti una maggiore libertà di accesso ad Internet, mettendo le loro informazioni personali al sicuro,” ha dichiarato John Maddison, Senior Vice President, Trend Micro.

Leggi anche:  Hacker Fortnite: giocatori in pericolo

“Trend Micro si è impegnata a collaborare con RSA per assicurare che la protezione dei dati personali e delle identità online siano al sicuro”.