Videointervista. Startup: CoContest, il crowdsourcing per gli architetti

La Silicon Valley è la Terra Promessa di chiunque vuole fare innovazione, in particolare per i giovanissimi startupper italiani che inseguono i propri sogni imprenditoriali

A San Francisco  abbiamo incontrato due fratelli romani, Filippo e Federico Schiano Di Pepe, fondatori di CoContest, una piattaforma di crowdsourcing che permette a chiunque abbia bisogno di idee progettuali per ristrutturare un appartamento o un locale, di poter trovare la soluzione ideale in tempi rapidi e con costi contenuti con il primo servizio in Italia che consente di organizzare delle gare tra gli architetti iscritti al servizio, mettendo in palio una cifra in denaro e scegliendo poi il progetto più interessante sulla falsariga del successo ottenuto da Zooppa per la pubblicità. Un’idea originale che sta rivoluzionando il rapporto tra architetti e clienti.

“Vogliamo dare voce ai 144.000 architetti italiani e al mezzo milione di quelli europei, fornendo uno strumento semplice che possa valorizzare il loro talento”.

 

Quello che ci ha colpito è stata la determinazione di questi due ragazzi che sono volati oltreoceano armati solo della propria idea.

“Abbiamo investito parte del nostro microseed ricevuto da Enlabs per venire qua a stringere contatti con i protagonisti dell’innovazione mondiale”.

“Un imprenditore è chiunque abbia la voglia di costruire qualcosa che sia suo potendo contare solo sulla propria idea e sulla voglia di fare”.

Leggi anche:  Tre nuovi progetti si scorporano dal C-Lab di Samsung Electronics e diventano startup