Veeam, quando l’azienda è always on

In occasione di VeeamOn, la sua prima user conference mondiale, la società riafferma il proprio approccio alla disponibilità del data center, che privilegia la massimizzazione dei ripristini

Las Vegas – Alla sua prima user conference mondiale, svoltasi a inizio ottobre, Veeam Software, il fornitore di soluzioni di backup e soprattutto di availability dei data center, non poteva che scegliere una delle location più nuove di tutta Las Vegas. E così, il Cosmopolitan, che ha poco più di tre anni di vita e che si presenta come un curioso ibrido di tutte le suggestioni più o meno chic del momento, è stato il palcoscenico privilegiato del debutto nelle user conference di una società IT che non ha ancora compiuto dieci anni, essendo nata nel 2006. Veeam – però – ha già bruciato molte tappe, inanellando successi su successi, come una crescita ininterrotta del fatturato da venticinque trimestri consecutivi, con incrementi medi del 50% anno su anno. Analoga percentuale di crescita anche per le licenze, del 50% circa all’anno, con tremila clienti nuovi al mese, per un totale attuale di 120mila clienti in tutto il mondo, più di cinquemila dei quali solo in Italia. Senza dimenticare i partner – vero e proprio elemento chiave nella strategia di go-to-market di Veeam – che al momento sono più di 25mila in tutto il mondo, con mille e 500 attivi in Italia e iscritti al programma di canale della società.

Fermi ridotti al minimo

Logico quindi che Ratmir Timashev, presidente e CEO di Veeam Software, abbia esordito nel suo keynote dicendo che «questo è davvero un evento storico per la nostra società: nel 2006, non avrei mai immaginato che avremmo realizzato un evento così importante, ed è anche per questo che intendo ringraziare tutti i nostri clienti, partner e sponsor per aver reso possibile tutto questo, perché si tratta di un grandissimo traguardo, suggellato anche dal fatto che vi sono persone presenti da tutto il mondo». E in effetti, i motivi per essere soddisfatti non sono mancati, a iniziare dal numero molto rilevante di partner e sponsor presenti nell’area espositiva dell’evento e dalla partecipazione più che lusinghiera, che ha visto oltre mille persone intervenire nella tre giorni di Las Vegas, seguita da Data Manager in esclusiva per la stampa italiana. «Il segreto del successo di Veeam è semplice» – ha proseguito Timashev. «Ci siamo trovati nel posto giusto nel momento giusto e col prodotto giusto, cioè con le nostre soluzioni per quello che noi chiamiamo “always on business”, cioè la massima disponibilità del data center. Il backup rappresenta solo l’assicurazione, ma noi non ci fermiamo solo a quello, in quanto facciamo prevenzione realizzando un sistema in cui i fermi sono ridotti al minimo, mentre vengono massimizzati i ripristini. Il nostro approccio è essenzialmente questo: ripristinare nell’arco di pochi secondi o pochi minuti qualunque tipo di servizio, e non solo quelli mission critical».

Leggi anche:  PTC annuncia una nuova versione di ThingWorx

A tutto cloud

Tra gli annunci che hanno caratterizzato l’evento, il posto d’onore è spettato a Veeam Availability Suite V8, di cui sono state anticipate le caratteristiche salienti e che sarà disponibile nel corso di questo trimestre, a quattro anni dalla versione 1, presentata nell’ottobre 2010. Parte integrante della nuova versione della suite è anche la soluzione Veeam Cloud Connect, che offre ai clienti Veeam uno strumento integrato, sicuro ed efficiente per spostare i backup verso un archivio offsite gestito dal service provider di loro scelta, evitando l’investimento necessario alla creazione di una propria infrastruttura offsite. I service provider possono così disporre di una solida piattaforma per fornire un backup veloce e sicuro nel cloud, in quanto Veeam Cloud Connect è molto semplice da configurare e mette in grado i Partner Veeam di offrire servizi di backup offsite ai clienti nell’arco di pochi minuti. Non a caso, Veeam raccomanda alle aziende di seguire la regola 3-2-1: tre copie dei dati, su due diversi tipi di media, una delle quali offsite. E Veeam Cloud Connect, che sarà disponibile nel corso di questo trimestre insieme alla versione 8 della suite, consente di portare i dati offsite senza dover acquistare e gestire infrastrutture ad hoc.

Backup dei pc Windows gratis

Oltre a uno stimolante e a tratti divertente keynote di Alexis Ohanian, co-fondatore di Reddit e uno dei trentenni più in vista nel settore social media, l’evento di Las Vegas ha anche visto l’annuncio di Veeam Endpoint Backup Free, una soluzione stand-alone gratuita che consente di effettuare il backup di laptop e desktop Windows su un hard drive interno o esterno, su NAS (network attached storage) condivisi o su repository di backup Veeam. «Abbiamo una lunga tradizione di prodotti gratis, come per esempio FastSCP, il primo prodotto Veeam in assoluto, rilasciato nell’ottobre 2006: questa esperienza ci è stata molto utile per entrare a far parte della virtualization community e per avere feedback» – ha spiegato Doug Hazelman, vice president of product strategy e chief evangelist di Veeam, conversando con la stampa. «Ma non tutto è virtuale, e gli endpoint come i laptop e i desktop devono essere ancora protetti all’interno delle organizzazioni. Ecco perché presentiamo Veeam Endpoint Backup Free: il prodotto sarà sempre gratis ed è progettato per essere stand-alone per il backup e il recupero, non prevede un’installazione centralizzata e andrà in beta pubblica già questo novembre, per avere poi la general availability all’inizio del 2015» – ha concluso Hazelman.

Leggi anche:  Windows ARM ora supporta le app a 64-bit