Microsoft: solo Windows 10 per le CPU di nuova generazione

Microsoft: solo Windows 10 per le CPU di nuova generazione

Chi acquisterà un computer con processori aggiornati dovrà usare l’ultimo OS di Redmond per garantirsi un ecosistema protetto e compatibile a livello software

La conferma è arrivata qualche giorno fa direttamente da Microsoft: i processori di nuova generazione, a partire dalla sesta famiglia di Skylake, godranno di un supporto totale solo con l’utilizzo di Windows 10. Questo vuol dire che chiunque comprerà un nuovo dispositivo, fisso o mobile, con CPU aggiornate, avrà la certezza di utilizzare un ecosistema completo e supportato solo scegliendo Windows 10. Del resto l’ultimo sistema operativo di Redmond è pre-installato su macchine che montano processori con architetture recenti, per un motivo tecnico ben preciso.

Il passato è passato

Non è raro che diversi utenti decidano di installare sul proprio computer OS datati, magari più funzionali sotto alcuni punti di vista, come Windows 7. Microsoft conosce benissimo il trend ed è per questo che ha voluto mettere le mani avanti informando i suoi clienti che il codice di scrittura di 10 è ottimizzato per lavorare alla perfezione con le architetture dei nuovi processori, a differenza dei precedenti. Il motivo è che riscrivere il codice per incontrare le necessità di OS datati sarebbe troppo laborioso e inefficiente, almeno secondo i tecnici di Redmond. L’obiettivo finale di Microsoft e dei partner è quello di portare gli utilizzatori verso un contesto di utilizzo simile, potendo lavorare così su un ecosistema unico e aggiornabile da una base comune. Tuttavia per chiunque desideri un prodotto Skylake che sia compatibile con i vecchi Windows, Microsoft pubblicherà una lista specifica, con prodotti che saranno supportati fino al 2017. Da quella scadenza si dovrà installare almeno Windows 10 per ottenere gli aggiornamenti di sicurezza.

Ti potrebbe interessare

Categorie: Hardware