Il futuro di Innovaway tra retail, PA e IoT

Antonio Giacomini e Augusto De Castro tirano le somme degli ultimi mesi in cui l’azienda è cresciuta esponenzialmente

Il Gruppo Innovaway è una realtà fondata nel 2014 e in soli due anni già leader in quanto a offerta di servizi ICT e progetti di caratura internazionale. I numeri che meglio spiegano la crescita del gruppo, creato per iniziativa di Cesaweb, si riferiscono agli ultimi 12 mesi: sono 100 le nuove assunzioni, principalmente effettuate grazie ad un accordo con poli universitari, che hanno portato a circa 580 l’ammontare delle risorse a livello globale, rispetto alle 350 dello scorso anno. Innovaway, visto il suo bacino di evoluzione, punta fortemente sull’area campana, integrando anche il Napoli Competence Center e controllando al 100% la società Innova Srl, nata nel 2002 e con competenze nel campo della consulenza software cross-platform.

Nell’ottobre del 2013 la stessa Innova ha acquisito Synergia ICT Progetti & Servizi, da oltre trent’anni punto di riferimento nel panorama della system integration, con aperture nei settori delle soluzioni ICT. Il Gruppo ingloba dunque diversi soggetti che da tempo fanno da guida per l’implementazione di processi innovativi, per dar vita ad un insieme di capacità e ambiti d’azione quasi unico nel mercato della Information and Communication Technology.

Il processo di rebrand del team si completa nel 2014, quando Cesaweb cambia appunto nome in “Innovaway”, svelando anche lo slogan “un gruppo, più soluzioni”.

Il retail

I tempi sono maturi per tirare le somme delle recenti attività di Innovaway, ad un anno esatto dall’apertura di una sede operativa in Albania, concentrata sulle attività Service Desk ma anche BPO (Business Process Outsourcing). Il punto sull’attualità ci viene fornito da Antonio Giacomini, presidente e CEO di Innovaway S.p.A. e Augusto De Castro, Business Development, Marketing & Strategy di Innovaway S.p.A. “Non possiamo che essere soddisfatti di quanto fatto sinora – spiega Giacomini – la qualità dei nostri servizi ha permesso all’azienda di attivare importanti partnership, soprattutto nel mondo retail”. Il riferimento è alla collaborazione avviata con il Gruppo Pianoforte, che gestisce tra l’altro i marchi Yamamay, Carpisa e Jaked, e con Dedagroup Fashion, Factory e Retail, l’unità di business di Dedagroup che beneficia dei progetti software di Innovaway per i punti vendita moda e lusso a livello internazionale.

Leggi anche:  Italiani e tecnologia: grandi aspettative sul PC del futuro ma idee poco chiare su AI e 5G

 

Lo sviluppo della pubblica amministrazione

Ma non solo. L’incremento delle attività ha portato alla sigla di accordi di fornitura nel settore della pubblica amministrazione. Uno dei più rilevanti è sicuramente quello con la Provincia di Bolzano, per la quale Innovaway ha sviluppato una serie di servizi in lingua tedesca. Proprio il Service Desk multilingue è una delle forze del Gruppo; si pensi che a Napoli il Multilanguage Competence Center (MCC) è in grado di soddisfare le richieste poste in oltre 30 lingue. “È il segnale che per l’Italia, e il Sud in particolare, qualcosa sta cambiando – prosegue De Castro – non è un caso se molte delle professionalità che danno vita al MCC sono madrelingua, persone che hanno deciso di trasferirsi stabilmente da noi”. Il rinnovamento intrapreso prosegue su due linee: persone e tecnologie. Se è chiara la crescita di dipendenti e collaboratori, il domani degli applicativi (hardware e software) è tutto da scoprire. “Guardiamo con interesse a contesti come l’Internet delle Cose – conclude De Castro – sappiamo di non essere più legati a concetti e schemi fissi, che seguono linee predeterminate. L’IoT è connubio di innovazione perché può rendere concrete idee fino a ieri impossibili, persino difficili da immaginare”.