Apple: da luglio tutte le app supporteranno il notch

samsung notch

La compagnia invita gli sviluppatori ad aggiornare le applicazioni tramite l’SDK di iOS 11, che prevede il supporto alla tacca di iPhone X

C’è una data, luglio 2018, l’ultima utile per consentire agli sviluppatori e software house di aggiornare le proprie app pubblicate su App Store. Da quel momento infatti, Apple potrebbe eliminare dal negozio digitale i lavori che non sono compilati con l’SDKdiffuso insieme a iOS 11, il primo e unico cioè che prevede il supporto al notch di iPhone X, la tanto amata-odiata tacca superiore. In una nota inviata ai developer, la Mela ha invitato all’update, necessario per portare le app su un nuovo livello interattivo, reso possibile proprio dalla nocca di Ten. Sappiamo infatti che con l’introduzione del più recente iPhone, molte piattaforme hanno riscontrato problemi di visualizzazione perché incapaci di gestire correttamente la finestra del telefonino, che in alto prosegue senza soluzione di continuità, estendendo l’area a disposizione del touch ma con il bisogno di organizzare meglio quanto succede nel momento in cui si scorre l’interfaccia fino in cima.

Cosa succede

Per evitare che le cose vadano avanti in questo modo, cioè con gli utenti iPhone X penalizzati dall’assenza di un supporto funzionale dei software che usano di più, Apple ha deciso di porre un limite agli sviluppatori. “iOS 11 offre funzionalità innovative e un App Store ridisegnato. Le tue app possono offrire esperienze più intelligenti, unificate e coinvolgenti con Core ML, ARKit, le nuove API per fotocamere, domini SiriKit e l’integrazione di Apple Music.

Per questo, a partire da luglio 2018, tutti i software per iOS inviati per il controllo devono essere realizzati tramite l’SDK di iOS 11 e supportare il Super Retina display dell’iPhone X” – ha scritto l’azienda. Qualcuno ha preso le recenti indicazioni della Mela come una conferma che la strategia lato smartphone andrà nettamente in direzione notch, nel senso di una standardizzazione dei prodotti nel prossimo futuro. Se questo voglia dire che la prossima gamma di telefonini avrà lo stesso form factor di X non è detto ma è chiaro che il rivoluzionario device del 2017 avrà un successore, ispirando forse anche il comparto tablet.

[amazon_link asins=’B075LYDD7Z,B075TGMMNK,B06XBPLT46,B016VQNX00,B00C40OG22,B01IT6LFT6′ template=’ProductCarousel’ store=’dmo0e-21′ marketplace=’IT’ link_id=’0da91942-538d-11e8-a79a-61bccc8a81a2′]

Leggi anche:  Autostrade per l'Italia e IBM insieme per la gestione in tempo reale delle infrastrutture