Cisco e Hitachi Systems CBT: arriva ‘Dioniso’ a certificare il vino Made in Italy

È stata presentata a Roma la nuova piattaforma che traccia l’intera filiera vitivinicola

Cisco, Hitachi Systems CBT e Penelope hanno presentato ieri Dioniso, la nuova piattaforma applicativa per le certificazioni vitivinicole e il tracciamento della filiera sviluppata appositamente per Valoritalia, l’ente certificatore di qualità dei vini italiani.

Il settore vitivinicolo in Italia riveste un ruolo trainante nell’industria agricola e rappresenta il fiore all’occhiello del Made in Italy. Per questo motivo i produttori di uva e vino, soggetti a processi di certificazione (DOC, DOCG), si rivolgono a enti come Valoritalia per certificare la qualità del loro prodotto ed il rispetto delle normative vigenti.

Dioniso, applicazione sviluppata da Hitachi Systems CBT sulla piattaforma WebRainbow 5, permette di digitalizzare i processi di certificazione, facilitando la tracciabilità della filiera e agevolando la comunicazione tra ente certificatore e i suoi interlocutori. Questo sistema permette a Valoritalia di semplificare, ottimizzare e automatizzare il processo ispettivo che sottende la certificazione del prodotto “Vino”, partendo dalla fase delle “denunce uva”, passando per le operazioni di cantina e le giacenze di magazzino, per giungere all’analisi delle compliance, ai disciplinari e al rilascio delle “Fascette”.

Con questo supporto digitale si ottiene dunque, una fotografia costantemente aggiornata di ogni produttore per tipologia di prodotto ed ecosistema, in termini di anno e numerosità di unità certificate.

“Questa soluzione è un importante passo avanti per il sistema vitivinicolo italiano, dal momento che garantisce rigore nella raccolta dei dati e permette di tenere sotto controllo l’intero processo produttivo, dando, in ultima istanza, la certezza al consumatore della reale qualità del prodotto” afferma Kazuyuki Yamamoto, President & CEO di Hitachi Systems CBT. “Inoltre, a breve il portale sarà disponibile per tutti gli attori coinvolti, in particolar modo per i produttori di vino, che potranno in ogni momento verificare lo status della propria produzione e aumentare il proprio livello di competitività e produttività all’interno del mercato”.

Leggi anche:  Non hai talento artistico? Ci pensa una macchina

“Il progetto fa parte di Digitaliani, il piano di investimento lanciato da Cisco in Italia con l’obiettivo di accelerare la digitalizzazione nel Paese e nei suoi settori produttivi chiave, come l’agroalimentare, per aumentare la competitività, la qualità, la diffusione del Made In Italy” afferma Agostino Santoni, Amministratore Delegato di Cisco Italia. “Dioniso è una piattaforma a servizio dell’eccellenza del nostro settore vitivinicolo, che dimostra come il digitale può rendere concreti e reali concetti come la sicurezza, la tracciabilità, la fiducia nell’origine e nella qualità dei prodotti”.