Fujitsu trasforma la gestione del data center con un software per la gestione convergente delle infrastrutture

Fujitsu ha rilasciato una versione aggiornata del proprio software dedicato alla gestione delle infrastrutture allo scopo di semplificare e centralizzare le operazioni e di monitorare gli ambienti infrastrutturali IT completi.

Questo performante software garantisce importanti risparmi sui costi e sui consumi energetici combinandoli con il miglioramento delle performance e della continuità operativa dei data center.

Fujitsu Software Infrastructure Manager V2.3 (ISM), un software di gestione convergente per l’amministrazione dei data center, semplifica il deployment, il funzionamento e la manutenzione delle infrastrutture di data center compresi gli apparati di impianto come rack e unità di distribuzione dell’alimentazione. Attraverso una visione globale dell’ambiente, Fujitsu ISM fornisce sostanziali vantaggi rispetto all’impiego di soluzioni software separate per switch, server e storage.

Scegliere Fujitsu ISM significa aiutare le aziende ad accelerare la transizione verso i data center di tipo software-defined e poter automatizzare il deployment di infrastrutture agili e flessibili per gestire workload in rapida crescita. Tutto questo aiuta ad assicurare l’erogazione razionalizzata dei servizi IT tramite la distribuzione dei workload e dei flussi di dati migliorando la continuità operativa complessiva dei data center.

ISM dispone di un pannello di controllo intuitivo che fornisce visibilità in tempo quasi reale sull’ambiente del data center garantendo la comprensione immediata del funzionamento e la gestione unificata del firmware per tutti i dispositivi. Il pannello di controllo consente di monitorare da vicino lo stato e le prestazioni dei sistemi IT per assicurare il rispetto dei parametri SLA (Service Level Agreement). I nuovi dispositivi vengono rilevati automaticamente semplificando ulteriormente le attività della gestione quotidiana e offrendo una protezione contro i dispositivi aggiunti alle reti aziendali illegalmente o senza autorizzazione.

Leggi anche:  Classic Brands vola verso l'efficienza con Centric SMB