Fattura elettronica e GDPR. Ostacolo o approdo?

Fattura elettronica e GDPR. Ostacolo o approdo?

Fattura elettronica e GDPR sono come un iceberg per la tua impresa e per quelle dei tuoi clienti: può farti affondare oppure diventare un approdo sicuro sull’isola della digitalizzazione

La fattura elettronica può connetterti con la nuova materia prima di cui tutte le imprese avranno un fabbisogno esagerato: il record informatico. Questo elemento sta venendo a galla come un sommergibile da tredicimila tonnellate che schizza fuori dall’oceano dopo un’emersione rapida. Le survey dimostrano che la contabilità, la produzione e il rapporto con i clienti stanno passando al digitale. A proposito di oceani, di recente ho assistito a una presentazione del mio collaboratore Nik Panzalis. Quando Nik spiega a una platea i risvolti della digitalizzazione, è solito usare la parabola dell’iceberg. Descrivo la slide che usa sempre. Si vede un iceberg che fluttua nell’oceano; al suo fianco, una piattaforma con una ruota, tipo quella dei mulini ad acqua. Illustra le due facce del digitale: la prima – la parte emersa – è quella che vedi tu, quando lo guardi attraverso gli obblighi. La seconda – quella sommersa – rappresenta cosa vede il mercato. Tra le due parti, c’è il mare, che lambisce l’iceberg. L’acqua è il dato digitale che aziona il mulino dei nostri processi, dando moto alla catena del business, grazie ad algoritmi e automatismi di processo, che portano nutrimento ai nostri flussi di lavoro.

NON FARE IL MARINAIO TERRORIZZATO SULLA COFFA DELLA NAVE

Il 15 aprile 1915, un iceberg affondò il Titanic. Da allora, pare si sia rotto qualcosa nel rapporto uomo-iceberg; tranne per Nik Panzalis che si ostina a metterli nelle slide. Esistono molti manifesti, raffiguranti marinai che si girano indietro, indicando un iceberg a prua. Chi ha ragione tra Panzalis e il marinaio? Fa bene Nik a usare l’iceberg come elemento esemplificativo dell’essenza digitale? O ha ragione il marinaio a puntare con terrore il dito verso quel ghiaccio che gli si staglia davanti? Entrambi. Se ti ostini a prendere il digitale di “spigolo”, guardando solo ciò che vedi in superficie, rischia di fregarti. Se prendi l’iceberg di petto, finisce per sfondare lo scafo della tua impresa. Quindi – in parte – hai ragione quando cerchi di starci alla larga. Ma se ti avvicini con perizia e circospezione, l’iceberg diventa un approdo nell’oceano della digitalizzazione.

SERVE UN PILOTA ESPERTO PER ACCOSTARE FRA I GHIACCI

Come imprenditore, sei il comandante della nave. Ma anche il comandante lascia il timone, quando deve attraccare in porto. Nell’ultimo miglio, al comando passa il “pilota”. Un addetto del porto, specializzato negli approdi. Una piccola barca di servizio avvicina lo scafo della nave, così l’ormeggiatore salta a bordo. È lui ad assumersi la responsabilità dell’attracco, perché conosce fondali e ostacoli. Come fai tu, quando ti rivolgi al commercialista, o al consulente del lavoro per farti aiutare nella gestione di altre materie prime importanti come soldi e personale. Ti avvali del supporto di professionisti per gestire questi elementi, come il comandante si avvale del supporto del pilota.

Leggi anche:  La sfida dell’intelligenza artificiale. Cina e usa in pole position. Quale sarà il ruolo dell’Europa?

IL DATO È LA MATERIA PRIMA DEL PRESENTE E DEL FUTURO

La concitazione di queste settimane ti fa perdere l’orientamento. Pensi all’XML, vuoi superare le ansie che provi per le complicazioni portate dalla fattura elettronica. Non riesci a cogliere come questa novità sia una tappa di avvicinamento alla contabilità digitale, che diventerà a breve uno standard. Ma le decisioni che prenderai, costituiscono le fondamenta della digitalizzazione per la tua impresa. Se le butti giù in fretta, il tuo ecosistema digitale verrà su storto. Ecco perché non dovresti buttare tutta la problematica dei processi di fatturazione addosso alla software house o al commercialista: figure preparate per altri mestieri. Il miglior regalo che puoi fare a te stesso è questo: farti aiutare da un centro di competenze digitale. Composto da esperti di conservazione, flussi informatici e da un ufficio legale interno, costituito da avvocati focalizzati soltanto in materie di digitalizzazione.

Nicola Savino CEO di Savino Solution